Ternana, arriva il Pisa: Diakitè in gruppo

Serie B
10_avenatti_lapresse

Obiettivo salvezza per i ragazzi di Carbone, sabato c'è il Pisa di Gattuso. L'ex difensore della Lazio subito in gruppo dopo l'ufficialità di lunedì. Una nuova avventura per il centrale difensivo, dall'Inghilterra alla Serie B

Sosta archiviata, torna la Serie B. E torna il "campionato degli italiani" entra nel vivo. Ternana di scena a Pisa contro i ragazzi di Gattuso, sfida importante in chiave salvezza. Carbone chiede impegno, concentrazione. Soprattutto vittorie per levarsi fuori dalla zona retrocessione (la Ternana è penultima a 20 punti). E il mercato offre spunti: preso Diakitè, ex difensore di Lazio e Fiorentina classe '87. Rinforzo d'esperienza. D'altronde, il nuovo ds Danilo Pagni l'aveva detto il giorno della presentazione: "Mercato? Ci serve un giocatore per ruolo". Puntellata la difesa, ora l'attacco: ma Avenatti, Falletti e Palombi restano i punti fermi. 

"Avenatti e Falletti restano qui" - L'ha ribadito anche l'allenatore, Benito Carbone, dopo l'amichevole contro la Lupa Roma: "Restano fino a fine stagione, poi si vedrà che cosa succederà. Adesso si ricomincia tutto da capo e iniziamo a pensare al Pisa". Come salvare la Ternana? Idee chiare: "Dobbiamo capire su chi possiamo contare, chi ha amor proprio, perchè chi non lo ha più se ne va via domani, e da li parte tutto: chi non sposa la causa va via". Allenamento mattutino, Diakitè subito in gruppo dopo l'ufficialità. Carbone ha quattro sedute per capire se potrà essere convocato per la gara di Pisa. Operazione recupero. 

Diakitè is back - Roccioso, granitico, attento. Insomma, uno che li al centro ci sa stare. "Modibo è tornato". Sì, lui. Pronto a ripartire dalla B dopo gli ultimi anni in Serie A. Dagli esordi con la Lazio all'Inghilterra con il Sunderland, fino alla Ternana. "Esperienza" la parola chiave per aiutare tutti i suoi compagni. Perché lui, Modibo, vanta 15 presenze in Europa e più di 100 in Serie A. Gol? Pochi, 4 in carriera. Ma non chiedetegli di buttarla dentro, piuttosto di tamponare gli attaccanti col suo fisico. Detto, fatto. Bene l'anno scorso tra Frosinone e Samp, un po' meno nelle stagioni precedenti: Sunderland, Deportivo, Fiorentina, Cagliari. Un po' di sfortuna e qualche infortunio di troppo. Alla Lazio il punto più alto della sua carriera, anche se l'ultima stagione (2012-2013) l'ha vissuta da fuori rosa per sei mesi. Nonostante tutto, però, si è fatto volere bene dai compagni. Sempre. Tant'è che Beppe Biava - al tempo suo "rivale" per il suo di centrale difensivo - gli dedicò anche un gol: "E' un ragazzo davvero eccezionale che mi ha sempre incoraggiato, se lo merita". E adesso lo scoprirà anche la Ternana. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche