Bari, Colantuono: "Mercato eccellente, ora uniti"

Serie B
15_Colantuono

Così l'allenatore biancorosso in conferenza: "Siamo in rincorsa e non avevamo la classifica attesa: i 10 acquisti del mercato di gennaio sono un'inversione di tendenza. Ma non diciamo che inizia un altro campionato: semplicemente domani contro il Vicenza sarà una partita complicata"

Vietato scherzare, ormai è così. Il messaggio di Colantuono è chiaro, chiarissimo. Anche a se stesso: "Siamo in rincorsa e non avevamo la classifica attesa: i 10 acquisti del mercato di gennaio rappresentano un'inversione di tendenza. Ma non diciamo che inizia un altro campionato: semplicemente domani contro il Vicenza sarà una partita estremamente complicata". Parigini, Floro Flores, Morleo, Suagher, Macek, Salzano, Greco, Raicevic, Offredi e Galano: 10 acquisti e altrettanti addii per risalire la classifica (oggi il Bari è al decimo posto). Domani, alle 18, il Vicenza degli ex: "De Luca? I cali di entusiasmo capitano nella carriera: con me ha sempre giocato in 8 partite - ha spiegato in conferenza stampa l'allenatore biancorosso - ma probabilmente il suo ciclo a Bari era finito. Ha perso un po' di autostima e quindi ha preferito andare a cercare fortuna da un'altra parte. Domani lo temerò come tutti gli avversari in campo". Sul gruppo: "I nuovi? Dovremo cercare di inserirli nel minor tempo possibile: io ho sempre preferito avere l'imbarazzo della scelta se voglio raggiungere obiettivi importanti. Ieri ho parlato coi ragazzi. Sono stato chiaro con loro. Li ho visti molto concentrati"

Niente gerarchie - "Ho notato tutto e non ho notato niente - scherza Colantuono - gli scontenti fanno parte del calcio: io non posso pretendere che chi non gioca sia sempre felice. L'essenziale è che il malcontento non vada a nuocere sulla squadra: chi mette i bastoni tra le ruote a questo percorso non è ben accetto". Nessun titolare fisso, neanche Brienza: "Franco è un giocatore di grande qualità. A parte la gara con l'Avellino non ho potuto mai schierarlo a centrocampo perché eravamo corti in avanti, ma a me sono sempre piaciuti i centrocampisti di qualità. Può essere mezz'ala o trequartista". Maniero?: "Ha avuto un percorso travagliato quest'anno, ma lui deve stare tranquillo. In alcune partite non era in condizioni perfette, si è allenato spesso con dei dolori: deve mettere a posto qualche problemino fisico".

Sui nuovi arrivi e il minutaggio - "E chiaro che chi è arrivato non giocava 90 minuti da un pò di tempo, sebbene si fosse sempre allenato. A qualcuno manca il ritmo partita. Vediamo domani come si metterà la gara, ma non ho ancora deciso nulla". Il regista? "Non manca, dovevamo fare delle scelte e dovevamo anche fare i conti con la lista. C'erano delle uscite previste che non si sono più realizzate: all'occorrenza in quel ruolo ci sono Basha e Greco, ma posso provare anche Fedele in quel ruolo. Dobbiamo anche provare, se ti servono tutto è troppo facile". Sguardo alle concorrenti: "Lo Spezia ha preso buoni giocatori come Giannetti e Fabbrini, ma tutti hanno fatto qualcosa. Chi aveva una classifica positiva non aveva bisogno di fare grossi innesti, ma solo di rifinire l'organico. E' chiaro che la serie A va sempre programmata, non si improvvisa dall'oggi al domani". L'orizzonte è rivolto a un mese fondamentale: "Si deciderà tutto in aprile, quando si giocheranno sette partite di campionato. Arrivare in quel momento con un organico ampio e in forma sarà fondamentale".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche