Vicenza, Zaccardo: "Stagione di sofferenza"

Serie B
zaccardo_vicenza_vicenzacalcio

Il difensore biancorosso ha parlato dopo la sconfitta contro la Salernitana, presentando anche la prossima sfida contro l’Ascoli: "L’allenatore ci ha tenuto su di morale ma già conta reagire. Purtroppo ci sono dei limiti, i sogni li lasciamo al prossimo anno"

La sconfitta nell’ultimo turno contro la Salernitana è ormai alle spalle, il Vicenza deve ora guardare avanti. Nel prossimo turno di campionato i biancorossi di Pierpaolo Bisoli affronteranno l’Ascoli in casa, per riprendere la loro corsa verso l’obiettivo salvezza. Intanto, mentre la squadra continua a lavorare sui campi di Isola Vicentina, il difensore Cristian Zaccardo si è presentato in sala stampa per fare il punto della situazione sulla condizione fisica sua e della squadra. "Dopo l’ultima partita eravamo tutti molto abbattuti - ha detto - vincere con la Salernitana ci avrebbe dato una classifica più tranquilla. Ma se poi si perdono due partite si torna subito in zona playout dove eravamo circa due mesi fa e ritorna la sofferenza. L’allenatore ci ha tenuto su di morale ma già contro l’Ascoli conta reagire alla sconfitta. La reazione ci dovrà essere con la prestazione e con la corsa. In questo campionato si può vincere o perdere con chiunque ma ci vuole equilibrio: se vinci due o tre partite speri di guardare in alto e se poi ne perdi due ritorni a soffrire".

"Abbiamo sempre detto, dall’inizio del campionato, che l’obiettivo è la salvezza - ha aggiunto - c’è da soffrire e i sogni li lasciamo al prossimo anno. Purtroppo ci sono dei limiti e dobbiamo stare concentrati, tirandoci fuori il prima possibile dalle posizioni complicate. La squadra è cresciuta, siamo più competitivi e abbiamo trovato maggiore solidità in difesa. Vogliamo provare a tornare a sorridere con i risultati. L’Ascoli? E’ una squadra in forma, verrà qui con la testa libera, noi purtroppo noi abbiamo sbagliato la partita con la Salernitana e abbiamo voglia di reagire per rimetterci in carreggiata. Penso che avremo più fame di loro. Orsolini e Favilli? A volte vincono i vecchietti e a volte i giovani. In partite decisive l’esperienza può servire. Avendo poi giocato martedì magari loro saranno un po’ più stanchi di noi. Bisognerà evitare di lasciare troppi spazi perché l’Ascoli è una grande squadra e in classifica sta meglio di noi. Subiamo pochi tiri, questo mi piace, i nostri portieri non fanno mai un super lavoro. Dobbiamo eliminare e limitare il più possibile gli errori in questa stagione di sofferenza. Davanti sarà importante essere cinici".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche