Pro Vercelli, Longo: "Meno belli e più pratici"

Serie B
Longo_allenamento_pro_vercelli

Dopo la sconfitta 3-1 nel recupero contro l'Ascoli, per i piemontesi un'altra sfida complicata: al Piola arriva il Benevento. "Dovremo avere un grande impatto sul match - ha detto Longo in conferenza - con le buone o con le cattive dobbiamo portarla a casa. Bisogna muovere la classifica"

“Arriviamo a questa gara con una partita in più nelle gambe rispetto al Benevento. Servirà recuperare le energie nervose: saranno più importanti di quelle fisiche.”. Moreno Longo presenta in conferenza stampa il match che vedrà impegnata la sua Pro Vercelli, terzultima in campionato e in piena zona retrocessione. “Ci vorrà un grande impatto sul match - ha detto l’allenatore dei piemontesi - dobbiamo essere meno belli e più pratici. A fare la differenza sono i punti, dobbiamo portarli a casa con le buone o con le cattive. Per quello che sta facendo la squadra, non meritiamo questi risultati: lo dicono le statistiche delle partite. Voglio che i miei ragazzi siano lasciati tranquilli, il responsabile sono io. Dobbiamo diventare concreti, la classifica permette ancora tutto. Cerchiamo di muoverla già da domani”.

Sul pubblico - “Ci sono due strade in questo momento: tirare il cappello per aria e lasciare questi ragazzi combattere da soli oppure stringersi attorno alla squadra, che ha bisogno del supporto dei propri tifosi. La squadra crea, si impegna: siamo gli stessi che abbiamo battuto SPAL e Frosinone; i ragazzi danno sempre il 110% e lo faranno fino alla fine: l’aiuto dei tifosi ci aiuterebbe molto”.

Cambi di formazione - “L’unica partita con cui abbiamo giocato con 4-4-2 era con la Spal, che poi era 4-2-3-1. Ricordo a tutti che con il Frosinone abbiamo giocato 3-5-2: per giudicare, ci vuole cognizione di causa. Per fare 4-4-2 in questo momento la squadra ha perso Mustacchio, Nardini è infortunato e Vajushi non è ancora in condizione. Cosa vogliamo fare, mettere giocatori fuori posizione? In più abbiamo perso La Mantia, che stava attraversando un ottimo momento. Creiamo e abbiamo subito gol fortuiti: bisogna mantenere equilibrio, sapendo che possiamo e dobbiamo migliorare”.

Su Ascoli - In settimana la sconfitta 3-1 nelle Marche: "Quando non arrivano i risultati la prima analisi si fa sull’atteggiamento: la cosiddetta cazzimma; ma metterla solo su quel piano è riduttivo. Dobbiamo migliorare la qualità: penso ai gol mancati da Comi e Morra contro Trapani e Spezia. Anziché fare una corsa dobbiamo farne due, così come i falli: la base per appoggiare qualsiasi progetto tattico è quella della prestazione. Non voglio fare paragoni con l’anno scorso, ma qualche dato l’abbiamo guardato: lo scorso anno la Pro Vercelli ha vinto tre partite con tre autogol, quest’anno non abbiamo mai vinto una partita che non abbiamo meritato".  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche