Pro Vercelli, Longo: "Servono punti, non applausi"

Serie B
longo_pro_vercelli

L'allenatore dei piemontesi sconsolato dopo il ko allo scadere contro il Benevento: "Giocare bene è un presupposto, ma poi devono arrivare le prestazioni e i risultati". La coperta è corta: "L'addio di Mustacchio e l'infortunio di La Mantia pesano"

Un’altra buona partita, un altro ko: la Pro Vercelli, dopo il 3-1 dell’infrasettimanale con l’Ascoli, perde ancora e si piega solo allo scadere al Benevento di Baroni. Ora, per i piemontesi, la classifica parla chiaro: terzultimo posto. “Dobbiamo crescere e fare più attenzione ai dettagli”, ha detto Moreno Longo al termine della gara.

Amarezza - Longo è stufo di vedere belle prestazioni ma di non portare a casa mai punti pesanti: ”Per noi contava il risultato, arrivavamo da due sconfitte. Ora i complimenti degli avversari non bastano più, servono punti. Siamo una squadra che gioca e che propone, costruiamo bene. Non possiamo far altro che lavorare e credere in quello che facciamo. Quando le prestazioni sono di questo livello si fa fatica trovare il punto su cui intervenire”.

Sfortuna - “Il mercato di gennaio è stato importante - ha detto l’allenatore dei piemontesi - abbiamo acquistato dei buonissimi profili. Vives e Aramu hanno disputato una grandissima partita, ma sono cambi obbligati, non hanno nelle gambe i novanta minuti. Non voglio creare alibi, ma la partenza di Mustacchio e l' infortunio di La Mantia, nostro capocannoniere, pesano. La coperta è corta, ma può ancora succedere di tutto. Nel campionato di B bisogna essere concreti c’è tanta intensità, si va tantissimo al sodo. Giocare bene è un presupposto, ma poi devono arrivare le prestazioni", ha concluso Longo.  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche