Novara, verso Ascoli: Dickmann out tre settimane

Serie B
lorenzo_dickmann_novara_calcio

Contro il Benevento, la squadra di Boscaglia ha infilato la terza vittoria e il sesto risultato utile consecutivo. Nella gioia per gli ottimi risultati, anche due infortuni pesanti: Dickmann dovrà stare out circa tre settimane, il problema all'adduttore di Galabinov sarà invece monitorato giorno per giorno

Identità ritrovata, risultati pure. Il Novara è una delle squadre più in forma del campionato di Serie B e l’1-0 rifilato al Benevento quarto ne è la riprova. Terza vittoria consecutiva, sesto risultato utile infilato per la squadra di Boscaglia, che ora è pronta a riprendersi un posto nella zona playoff del campionato. Dopo un inizio di stagione così così, i piemontesi stanno velocemente risalendo la classifica: sabato, ad attenderli, ci sarà l’Ascoli, cinque punti sotto in classifica.

Doppio infortunio - Nonostante la gioia per i tanti punti conquistati nel 2017, Boscaglia non può non pensare ai due pesanti stop dell’ultima settimana. Lorenzo Dickmann, esterno titolare classe 1996, dovrà stare out per circa tre settimane a causa di una lesione di primo grado alla coscia destra. Con lui si è fermato anche Galabinov, l’arma offensiva più pesante del Novara: le condizioni della sua infiammazione all’adduttore della coscia sinistra saranno monitorate nel corso dei prossimi giorni. Francesco Bolzoni e Moustapha Beye, infine, continuano il lavoro specifico rivolto al recupero dai loro rispettivi infortuni.

Gioia Macheda - Chi potrà beneficiare dell’infortunio di Galabinov è sicuramente Kiko Macheda, arrivato a gennaio a Novara e autore finora di un gol in campionato. “È stata una settimana perfetta e siamo molto contenti di questa striscia positiva”, ha detto dopo la sfida con il Benevento. Il suo impatto con la B, nonostante i gol fatichino ad arrivare, è stato comunque positivo: “Sono molto contento, la squadra ha trovato una continuità importante e abbiamo avuto questi sei risultati utili di fila, siamo felici. Siamo consapevoli di avere una squadra competitiva, pensiamo una partita alla volta e vediamo. Abbiamo agganciato il treno playoff e non vogliamo staccarci, la nostra mentalità è vincente, spero che le prossime partite siano altrettanto positive”. Sguardo anche al passato in Inghilterra: “Dal debutto con lo United ho avuto tanti infortuni, che non mi hanno permesso di trovare la continuità per esprimermi ai miei livelli. Ora mi sento bene fisicamente e qui spero di fare grandi cose”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche