Colantuono: "Io, il Bari e il fioretto promozione"

Serie B
stefano_colantuono_getty

L'allenatore biancorosso ci crede: "E' impensabile che questa squadra non giochi in Serie A e sia ancora in B, è veramente assurdo!". Poi sul rendimento: "Ora si respira un’aria frizzante, siamo riusciti a riagganciarci al gruppo dei migliori anche se siamo un po’ staccati dai primi tre"

Sognatori ne abbiamo? Uno, anzi due: Stefano Colantuono e il suo Bari, reduce da quattro vittorie nelle ultime cinque gare di Serie B (l'ultima contro il Frosinone). "Ora si respira un’aria frizzante, siamo riusciti a riagganciarci al gruppo dei migliori anche se siamo un po’ staccati dai primi tre". Pazienza, l'importante è crederci. E sognare, appunto. Parola di Colantuono, che attraverso un'intervista a Tuttosport racconta così la sua favola biancorossa made in Bari. 

Fioretto promozione - Una promessa di Colantuono in caso di Serie A: "E’ impensabile che il Bari sia in B: nello scorso weekend siamo stati in Italia il 5° stadio con più spettatori: 22 mila, più di Lazio-Torino. E non è niente. Possono venire in 50 mila e sogno di vedere lo stadio pieno. Bari deve giocare in A sempre: magari un anno per salvarsi, un altro a metà classifica, un altro ancora a sfiorare l’Europa League. Bari in B è assurdo. Quando sono venuto non ero così convinto di tornare in B ma mi affascinava la piazza ed in caso di promozione il contratto c’è già. A Bergamo andavamo in pellegrinaggio in alcuni santuari. Da qui a Padre Pio è un po’ troppo lunga ma qualcosa si può organizzare anche se ora è presto per parlarne".

Mercato e sogni - "Siamo gli unici che hanno cambiato allenatore. Tante facce nuove anche a gennaio: bisognava far ritrovare minutaggio e condizione in pochi mesi ai giocatori arrivati qui dopo aver giocato pochissimo in altre squadre, non è facile: bisogna saper dosare bene le forze e c’è il rischio degli infortuni. Ma è stata una scelta precisa: il Bari pur facendo un buon finale di andata era solo ottavo per cui bisognava rischiare e cambiare. Sia per me che per il ds Sogliano era l’unica scelta possibile per provare a dare una scossa. E infatti giocatori come Galano e Floro Flores ci hanno dato subito un grande impatto e ad aprile si giocheranno 7 gare e sarà fondamentale avere una rosa folta per poter fare turnover. Una squadra deve avere un sistema di gioco di riferimento ma io l’ho sempre cambiato in base al materiale a disposizione. A dicembre mi sono trovato senza 10 giocatori e ho dovuto modificare sistema". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche