Pisa, Gattuso: "Pronto a fare passo indietro"

Serie B
gattuso_pisa_frosinone_lapresse

"Non ho sensazioni positive - ha detto il tecnico - gli ultimi minuti di gara sono stati imbarazzanti. Fatico a fare una disamina in modo corretto della partita, abbiamo pure rischiato di perdere la partita e mi assumo io le responsabilità per tutto. Le facce dei ragazzi sono paurose, sono molto preoccupato"

Il pareggio contro il Latina non è andato giù a Gennaro Gattuso, dopo essere passata in vantaggio al 50’ con Manaj la formazione nerazzurra è stata raggiunta nel finale dal gol di Corvia. Alla fine è 1-1, un risultato che così come una settimana fa ha sottolineato qualche problema nella gestione di minuti finali da parte della formazione toscana. Ora sono 34 i punti in classifica del Pisa, che nel prossimo turno è atteso dalla complicata trasferta per affrontare l’Hellas Verona. Dopo il novantesimo l’allenatore si è così sfogato in sala stampa, annunciando anche riflessioni importanti in ottica futura: "C’è rabbia per questo pareggio - ha esordito dicendo Gattuso - quella di oggi è stata una gara difficile che eravamo anche riusciti a sbloccare ma dopo il vantaggio è subentrata la stessa prestazione di Vicenza, gli stessi problemi, le stesse difficoltà. Non abbiamo saputo gestire il risultato e chi è entrato ha dato veramente poco. Sto notando che a livello fisico un po’ paghiamo, in tanti mi chiedono sempre il cambio: oggi abbiamo fatto gli ultimi 25’-30’ di partita giocando in modo imbarazzante".

E ancora: "Fatico proprio a fare una disamina in modo corretto della partita, finora anche quando soffrivamo il campo lo tenevamo abbastanza bene mentre oggi abbiamo pure rischiato di perderla e mi assumo io le responsabilità per tutto, sono io che traghetto questa barca ma faccio fatica a tirare fuori di più a questa squadra, anche se cerco di capire sempre cosa potrei fare per migliorare. Vedo anche le facce dei ragazzi, sono paurose e quando si subisce gol è blackout totale, ci sgretoliamo proprio. Sono molto preoccupato. Ora devo capire se sono io il problema, se non vengo più ascoltato dai ragazzi e in quel caso sarei costretto a fare un passo indietro. Mancano 11 gare e c’è ancora tempo. I miei giorni però stanno per finire, il calcio per me è sofferenza e diventa difficile gestire una situazione. Dove c’è qualche problema si alza subito la mano".

"Non vedo né voglia né spirito: si può giocare male, ma non si deve mai mollare di un centimetro e non deve mancare la cattiveria agonistica. Se si possono trovare delle colpe (visto che alla fine 34 punti li abbiamo fatti sul campo) quelle sono mie: devo riflettere bene, ho sensazioni non positive e non mi quadra qualcosa. Non posso vedere gente che si accontenta, a livello caratteriale mi aspetto troppo di più, anche se poi vedo che in settimana lavorano tutti bene. Poi quando succedono queste cose i ragazzi stanno male: ma per rispetto di tutti, devo capire se posso ancora far qualcosa", ha concluso Gattuso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche