Cesena, Camplone: "Siamo stati dei polli"

Serie B
camplone_cesena_getty

Il Cesena crolla a Chiavari e perde 2-1 in rimonta: "Peccato, c'è tanta amarezza. Abbiamo smesso di giocare dopo il vantaggio...", ha detto l'allenatore bianconero nel post partita. Ora Ternana e Trapani si rifanno sotto: "Sanno di dover giocare alla morte, questa è la mentalità che ci vuole"

Avanti da subito, poi ripreso e ribaltato. Il Cesena non riesce a vincere a Chiavari contro l’Entella e torna a casa con zero punti, nonostante in Liguria si sia vista una buona prestazione. “Siamo dei polli - ha ammesso Andrea Camplone nel post partita - perché dopo essere riusciti a portarci in vantaggio abbiamo smesso di giocare e ci siamo limitati a buttare la palla in avanti finendo così per regalare un tempo all’Entella”. Nella ripresa, invece “abbiamo creato un paio di occasioni da goal ma non siamo riusciti a sfruttarle, mentre loro sono stati bravi a concretizzare l’unica chance concessa. Peccato, c’è tanta amarezza”. Due sostituzioni all’intervallo: “Sono stati due cambi forzati, dettati da due infortuni: Donkor ha accusato un fastidio al ginocchio, mentre Agazzi ha avuto un problema ad una gamba”. Nonostante la diversa posizione in classifica, comunque, non si è vista una squadra superiore all’altra: “In serie B la differenza la fa la fame e la cattiveria che si mette in campo. Sapevamo che sarebbe stata una partita maschia su un campo difficile ma una volta trovato il vantaggio avremmo dovuto gestirla meglio. I tifosi mugugnano? Io sono dell’idea che quando si perde i tifosi hanno ragione a lamentarsi”. Ora, Ternana e Trapani si rifanno sotto: “La loro risalita mi preoccupa parecchio, anche perché stanno mostrando un bel calcio. E sapete perché? Perché sanno di dover giocare alla morte per conquistare punti, è questa la mentalità che ci vuole”, ha concluso.

Di Roberto - Il centrocampista bianconero è stato uno dei più in vista contro l’Entella: “Ci siamo rimasti malissimo per la sconfitta”, ha ammesso. “Nel secondo tempo abbiamo costretto l’Entella solamente a difendersi e per come si era messa la partita eravamo convinti di portare a casa la vittoria invece alla fine è arrivata una sconfitta immeritata. Come sto? Fisicamente ora mi sento bene e sono pronto a dare il mio contributo alla causa. Sono fiducioso, alla fine riusciremo a conquistare la salvezza. Arrivati a questo punto del campionato bisogna osare per provare a conquistare punti. Abbiamo giocato contro una squadra che sta lottando per i playoff e ciò significa che hanno dei grandi valori, non è facile mantenere il pallino del gioco per tutta la partita”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche