Spal, aggancio alla vetta. Verona ko al 3° posto

Serie B

Superando il Novara al Mazza, gli emiliani approfittano del passo falso del Frosinone e balzano al comando della Serie B nella 34.a giornata. Crolla l'Hellas battuto dallo Spezia. In chiave playoff vincono Benevento, Entella e Bari. Colpo del Trapani al Menti

Prosegue il tour de force targato aprile della Serie B, scesa in campo nel turno infrasettimanale valido per la 34.a giornata. Gerarchie in movimento dalla vetta alla zona retrocessione, ormai una prassi nel campionato votato alle sorprese e alle incertezze come ha ribadito il Frosinone nell’anticipo. Ripercorriamo tutti i risultati maturati in serata a 9 giornate dal termine della regular season.

SPAL-NOVARA 2-0
62' rig. Antenucci, 92' Schiavon

Una prova finalmente convincente, impreziosita da un rigore dubbio trasformato da Antenucci (13 gol in stagione) prima del bis di Schiavon nel recupero, spazzano via tutte le difficoltà della Spal che torna al successo contro il Novara. Dopo 2 stop di fila senza gol all’attivo nonostante il migliore reparto avanzato della Serie B (54 reti all’attivo), la rivelazione di Semplici archivia la pratica piemontese e aggancia il Frosinone al comando della classifica. Altra battuta d’arresto per il Novara, piegato nel weekend dalla Ternana interrompendo una serie di 10 gare utili: ora l’8° posto che vale i playoff dista 4 lunghezze.

HELLAS VERONA-SPEZIA 0-1
78' rig. Granoche

Aggancio al comando fallito dal Verona, addirittura sconfitto al Bentegodi dallo Spezia di Mimmo Di Carlo. Il rigore di Granoche nel finale di gara punta il dito sulle difficoltà croniche della corazzata di Pecchia, stavolta non trascinata da bomber Pazzini (20 reti e record stagionale in carriera) ma battuta domicilio dai liguri in precedenza reduci da 2 stop di fila. Se lo Spezia si rilancia in chiave playoff ora distante solo 2 lunghezze, l’Hellas paga un ritardo netto dalla coppia Frosinone-Spal. Nella volata finale sono proprio i veneti a rincorrere le rivali verso la promozione diretta.

PERUGIA-PISA 2-2
4' Mustacchio (PE), 10' Gnahoré (PE), 15' Di Tacchio (PI), 84' Lisuzzo (PI)

Settimo risultato utile consecutivo per il Perugia di Bucchi, ma che beffa al Curi contro il Pisa che nega il 4° posto in classifica. A quota 22 punti nel girone di ritorno, parabola alimentata in avvio dall’uno-due Mustacchio-Gnahoré, gli umbri sbattono contro l’orgoglio della squadra di Gattuso a segno con Di Tacchio prima del 2-2 di capitan Lisuzzo nel finale. Imbattuti al Curi da oltre 5 mesi, i padroni di casa graziano il Pisa che abbandona così l’ultima posizione ora occupata dal Latina in solitaria. E finalmente arrivano risposte in chiave realizzativa: sono solo 21 i gol in stagione, il peggiore attacco della B.

BENEVENTO-TERNANA 2-1
26' rig. e 52' Ceravolo (B), 70' Meccariello (T)

Il 4° posto resta quindi esclusiva del Benevento, reduce dal 2° successo di fila dopo la vittoria al Vigorito contro la Ternana. Protagonista assoluto l’ex Ceravolo, autore della doppietta che stende 2-1 gli umbri nonostante la prodezza di Meccariello. Battuta d’arresto per gli uomini di Liverani, rivitalizzati dall’avvento del nuovo allenatore nella lotta per non retrocedere ma usciti sconfitti e agganciati in penultima posizione dal Pisa. Per Baroni restano solo un ricordo le 6 gare senza gioie prima dello smalto ritrovato.

SALERNITANA-CITTADELLA 0-0

Termina senza reti la sfida tutta granata all’Arechi tra avversarie in salute. Esaltata da 4 vittorie di fila e 460’ senza incassare reti, la Salernitana di Bollini impatta 0-0 contro il Cittadella e rimanda l’assalto alla zona playoff lontana 4 lunghezze. Traguardo che invece difendono i veneti di Venturato a quota 51 punti in sesta posizione, piazzamento dettato da 3 partite positive di fila che regalano stimoli e continuità. Per il ‘Citta’ gli spareggi promozione restano un obiettivo decisamente alla portata.

VIRTUS ENTELLA-ASCOLI 2-1
6' Troiano (V), 60' rig. Cacia (A), 70' rig. Caputo (V)

Conferme playoff dall’Entella, impeccabile nel fortino di Chiavari e ora a quota 50 punti all’8° posto in partnership con il Bari. Nonostante il momentaneo 1-1 di Cacia (11 gol in stagione, 130 complessivi in Serie B), i liguri di Breda sbloccano con Troiano e mettono la freccia con Francesco “Ciccio” Caputo, 17 reti in campionato a -3 dal leader Pazzini. Marchigiani in grave difficoltà per risultati e prestazioni: si tratta della terza sconfitta in altrettante gare, trend che spaventa Aglietti ora a 3 lunghezze dal baratro playout.

BARI-LATINA 2-0
63' Galano, 92' Fedele

Dopo 3 turni senza gioie né gol all’attivo, il Bari di Colantuono risorge al San Nicola archiviando 2-0 la pratica Latina ultimo della classe. Nonostante i fischi iniziali del pubblico deluso dai risultati recenti, la ripresa premia i pugliesi con le reti di Galano (6° sigillo dal suo ritorno a gennaio) e Fedele nel recupero, firme che spingono i padroni di casa a 50 punti e all’8° posto, ultima piazza utile per disputare gli spareggi promozione. Penalizzati di un altro punto in classifica, invece, i nerazzurri di Vivarini vivono una parentesi da incubo: l’ultima vittoria risale al 25 febbraio sul campo della Ternana.

CARPI-PRO VERCELLI 0-0

Nulla di fatto al Cabassi tra Carpi e Pro Vercelli, sfida che rinvia le velleità delle avversarie ai due poli della classifica. Dal bilancio perfettamente ripartito tra casa e trasferta, gli emiliani di Castori salgono a 48 punti lamentando un distacco di 2 lunghezze dall’8° posto che vale i playoff. Un pareggio che senz’altro soddisfa la banda Longo, imbattuta da 8 turni consecutivi e sempre più lontana dalla zona bollente della classifica: da applausi la scalata della Pro nel girone di ritorno.

CESENA-BRESCIA 1-1
14' Schiavone (C), 39' Coly (B)

Anche il Manuzzi produce un pareggio, il 4° di fila in altrettante gare dell’era Cagni, che non sposta i destini di Cesena e Brescia affacciate ai playout. Succede tutto nel primo tempo con le reti di Schiavone (errore di Arcari) prima del pareggio di Coly su assist di Bisoli. Discorsi salvezza rinviati quindi per le avversarie di serata, certo è che i romagnoli sprecano il fattore casalingo già vitale nella gestione di Camplone (20 punti conquistati sui 26 totali). Il Brescia muove piuttosto il bilancio esterno in stagione, bottino dove solo la Ternana ha fatto peggio (8 punti contro 9).

VICENZA-TRAPANI 0-1
61' Casasola

Colpo salvezza del Trapani che espugna il Menti, scavalca proprio il Vicenza in classifica e attualmente si assicura un posto nei playout dopo avere occupato l’ultima posizione per una larga fetta della stagione. Decisivo Casasola per i siciliani di Calori dall’incredibile girone di ritorno: sono 22 i punti conquistati nel 2017 dal Trapani, un bottino che permette di sognare per la permanenza in categoria. Contestazioni invece in casa veneta, un punto nelle ultime 4 partite ed un quartultimo posto che complica la posizione di Bisoli e di un Vicenza senza soluzioni alla crisi.

I più letti