Cesena, Camplone: "Benevento? Match insidioso"

Serie B

L'allenatore dei bianconeri verso il match contro i campani di Baroni: "Affrontiamo una squadra pericolosissima, se le squadre dietro continuano a vincere probabilmente non basteranno due vittorie per la salvezza"

Il pareggio fuori casa contro l’Avellino ha confermato la buona forma del Cesena, che ora cerca in Serie B la zampata decisiva per fare un salto in avanti verso la salvezza. Un’altra campana, martedì, sulla strada dei ragazzi di Andrea Camplone: il Benevento di Marco Baroni, reduce dallo 0-0 col Vicenza. “Ancora una volta ad Avellino non è arrivata la vittoria, è un problema che ci portiamo dietro da tempo, ci manca sempre quel guizzo che ci fa chiudere le partite. Purtroppo creiamo tanto ma raccogliamo poco, almeno siamo tornati a casa con un punto che ci ha permesso di muovere la classifica”, ha detto l’allenatore bianconero in conferenza stampa. Che ha aggiunto sui prossimi avversari: “Non stanno attraversando un periodo particolarmente felice ma non dimentichiamoci che sono una neopromossa e tra le squadre rivelazioni di questo campionato. Sarà una sfida insidiosa, guai a sottovalutare il Benevento; a 5 partite dal termine non abbiamo più margine d’errore”.

"Affrontiamo una squadra pericolosissima"

Camplone ha poi continuato parlando dei punti di forza del Benevento: “Affrontiamo una squadra pericolosissima dalla cintola in su, possiedono giocatori molto rapidi e veloci come Falco, Ciciretti e Cissè, calciatori che se lasciati giocare possono mettere in seria difficoltà chiunque. Domani sarà importante chiudere tutti gli spazi, inoltre dovremo essere pronti a raddoppiare la marcatura sul portatore di palla”. Con il ritorno di Rigione e Donkor, possibile il ritorno al 3-5-2: “Abbiamo a disposizione ancora un allenamento e servirà per valutare attentamente la condizione dei miei ragazzi. Ribadisco ancora una volta che non è lo schieramento che ti fa vincere una partita ma la vera differenza deriva dall’atteggiamento con cui scendi in campo”. Alla luce del buon rendimento di Trapani e Ternana potrebbero non bastare due vittorie per essere salvi: “È chiaro che se le squadre dietro continuano a vincere probabilmente non bastano, ma noi non dobbiamo guardare alle altre bensì dobbiamo pensare solamente a conquistare questi punti.”

I più letti