Spezia, Di Carlo: "Vogliamo vincere il derby"

Serie B

L'allenatore bianconero pronto al derby contro il Pisa, che potrebbe assicurare ai suoi un posto nei playoff: "Il peso della partita è evidente, guai a perdere lucidità ed equilibrio. Loro già retrocessi? Non dobbiamo pensarci, guardiamo avanti al nostro obiettivo"

Il derby con il Pisa potrebbe voler dire per lo Spezia playoff (Frosinone permettendo). I bianconeri devono tenere a debita distanza le inseguitrici e conservare il +3 sul settimo posto che, a oggi, consentirebbe l’accesso alla lotta per la Serie A. "Il peso di questa partita è evidente, noi dobbiamo andare in campo per vincere una partita sentita da ambo le parti, dove nessuno si risparmierà, ma le nostre motivazioni dovranno fare la differenza”, ha detto Mimmo Di Carlo nella consueta conferenza stampa della vigilia. E sul Pisa ha aggiunto: “Non pensiamo al fatto che siano retrocessi, dobbiamo aspettarci una squadra arrembante, che proverà a dare una gioia ai propri tifosi. Dovrà essere la nostra mentalità a fare la differenza in questo finale di campionato”. Punto infermeria: oltre a Barbato e Piu, mancheranno Pulzetti (gastroenterite), Piccolo e Migliore: “Gli ultimi due sono in ripresa. Abbiamo provato diverse soluzioni, sia Nenè che Giannetti hanno l'opportunità di partire titolari o subentrare, l'importante è che, indipendentemente da chi giocherà, la squadra riesca a mettere in campo quella cattiveria necessaria per creare e finalizzare le occasioni”.

"Mente libera e cuore caldo"

Servirà comunque il giusto atteggiamento: “Guai a perdere lucidità ed equilibrio, dobbiamo imporre il nostro calcio, giocando per i tre punti fin dalle prime battute, sfruttando al meglio la spinta dei nostri tifosi”, ha continuato Di Carlo. “I derby sono sempre belli da giocare, ma ancora di più da vincere, inoltre domani sarà un grande spettacolo, sono sicuro che sarà una bellissima giornata di sport”. Un pensiero poi sulle altre partite: “Noi dobbiamo pensare a fare la nostra parte, portando a casa sei punti dalle ultime due gare, poi se anche gli altri faranno lo stesso, gli faremo i complimenti. Nessuno può tornare indietro nel tempo, bisogna guardare avanti con fiducia, correre forte e fare il massimo, consapevoli che dipenderà anche dagli altri, ma giocando con la mente libera e il cuore caldo".

I più letti