Vicenza, Torrente: "Troppo fragili, dispiace"

Serie B
Vincenzo Torrente, allenatore del Vicenza (foto VicenzaCalcio.com)
torrrente_vicenza_calcio

La retrocessione in Lega Pro è ormai a un passo: "La squadra ha pagato a caro prezzo la partita persa col Verona, sapevo che non sarebbe stato facile centrare l’obiettivo; le prime prestazioni sono state ottime, dopo però la squadra non ha più risposto", ha detto l’allenatore

Un’altra sconfitta nel derby contro il Cittadella, ora la situazione di classifica del Vicenza è davvero drammatica. I biancorossi rimangono a quota 41 punti in classifica, al terzultimo posto, e un’eventuale vittoria del Trapani condannerebbe alla retrocessione aritmetica la squadra allenata da Vincenzo Torrente. I veneti attendono dunque di capire quale sarà il proprio destino, intanto - dopo il novantesimo - l’allenatore ha parlato così della gara decisa dalla doppietta di Vido.

"La squadra non ha più risposto"

"Questa è una giornata triste - ha detto Torrente in conferenza stampa - e di questa situazione mi dispiace soprattutto per i nostri tifosi. La squadra ha pagato a caro prezzo - a livello mentale - la partita persa all’ultimo minuto a Verona nel derby, da lì è stata spenta la luce e la squadra ha dimostrato di essere molto fragile mentalmente e dal punti di vista del carattere. Quando sono arrivato qui sapevo che non sarebbe stato facile centrare l’obiettivo perché il calendario era davvero complicato. È stato difficile lavorare a livello tecnico e tattico con questo gruppo anche se devo dire che le prime prestazioni sono state ottime, dopo però la squadra non ha più risposto. I tifosi sono stati straordinari, sono una tifoseria da Serie A ed è per questo che la Lega Pro non se la meritano, non esiste proprio. Ma questa purtroppo è la realtà".

Poco orgoglio e giocatori con problemi fisici

"Oggi contro il Cittadella mi aspettavo una prova diversa anche sul piano dell’orgoglio - ha aggiunto infine il tecnico biancorosso - la scelta di venire qui era dettata dettata dalla tradizione e dalla storia di questo club. Voglio dire che la proprietà mi è stata vicina ma credo che la società potrebbe essere organizzata un po’ meglio, questo è quello che ho capito in questi 25 giorni di lavoro a Vicenza. Oggi è arrivata un’altra giornata no e durante queste settimane ho scoperto che molti giocatori (a partire da Ebagua) avevano problemi a livello fisico e le partite ravvicinate hanno peggiorato le cose. La realtà è che la prestazione non è stata quella che ci aspettavamo, ho tentato il “miracolo” e personalmente cercherò di chiudere bene la stagione preparando la partita di giovedì con quelli che si sentono motivati a giocare fino in fondo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche