Frosinone, Longo: "Occhio al gioco di Zeman, voglio personalità"

Serie B

Le parole dell'allenatore giallazzurro prima della sfida col Pescara: "Le squadre di Zeman fanno sempre risultati roboanti, dobbiamo stare attenti". E ancora: "Credo nell'equilibrio. Ciano? Giocatore utile, può fare più ruoli"

"Occhio alle squadre di Zeman...". Un monito comune in Serie B, ma Moreno Longo mette subito le mani avanti in conferenza stampa, prima della sfida col Pescara del Boemo. Dopo le due vittorie nelle prime giornate e il primo posto in campionato, l'ex Pro Vercelli predica calma: "Io credo nell'equilibrio, manteniamo i piedi per terra". Questo il concetto di Longo, che adesso dovrà vedersela col Pescara: "Massimo rispetto, ma voglio personalità da parte nostra".

"Voglio una prova di carattere"

“Tutte le avversarie vanno rispettate molto per il fatto che hanno qualità tecnico-organizzative importanti. Il Cittadella giocava insieme da due anni e mezzo, per le linee di passaggio che offre è una delle migliori, soprattutto in fase offensiva. Noi dovevamo cercare di togliergli profondità. Il Pescara è una avversaria molto ben delineata come soluzione di gioco, le squadre di Zeman hanno una fisionomia ben precisa. Gioca molto bene sulle catene esterne a cui dovremo trovare attenzione. Massimo rispetto ma anche personalità da parte nostra. Il 3-5-2 vedremo se confermarlo. Con Soddimo e Dionisi siamo quasi obbligati, il 3-5-2 ci dà sicuramente più equilibrio". E ancora: "Cercheremo di andare avanti con quel sistema con la variante di cambiare in corsa se durante la gara dovessimo incontrare delle difficoltà”. Su Zeman: "Lo dicono i numeri che le sue squadre fanno risultato sempre roboanti. Nelle prime due giornate un 5-1 a favore e un 4-2 a sfavore. Noi speriamo di avere un risultato a favore nostro, più risicato magari. Dovremo essere bravi, quando il Pescara attacca lo fa con dei movimenti che permettono loro di creare problemi all’avversario di turno”.

"Ciano è utile, può fare più ruoli"

Sull'ex Cesena: "E' un giocatore che può ricoprire più ruoli nella fase offensiva. Nasce trequartista, ha fatto l’attaccante esterno nel 4-3-3, lo scorso anno nel 3-5-2 ha fatto un sacco di gol. Ha fatto tanti gol in tutte le posizioni. Lui è un giocatore che predilige una zona di campo particolare, lo si è visto anche nell’assist che ha portato al gol di Crivello. Anche in quel modulo è un elemento che sa ricercarsi la zona dove agire meglio. Lui può ricoprire tutti i ruoli, ora deve essere solo bravo a trovare la condizione migliore perché ancora non è al 100%. Non è un elemento leggero, è molto dotato tecnicamente ed ha bisogno di 4-5 partite per entrare in condizione". Longo avverte i suoi: "Abbiamo il dovere di pensare che c’è sempre da migliorare. La serie B non ti permette di rilassarti o di pensare che sei a posto sotto il profilo dell’organizzazione di gioco, la qualità del gioco stesso o la condizione fisica. In questo, per mentalità la squadra non deve accontentarsi e ripartire dalle cose buone che si sono viste”.

"Credo nell'equilibrio"

Conclude Longo: "Mi sentite spesso parlare di equilibrio. In questo aspetto ci credo molto. Quando il Pescara ci attaccherà con tanti uomini, dovremo difenderci anche noi con tanti uomini per reggere l’onda d’urto. Ma quando attaccheremo dovremo sfruttare le nostre caratteristiche offensive e portare tanti giocatori nella loro metà campo"

I più letti