Novara, Corini: "Nessuno si adagi sui risultati ottenuti"

Serie B
corini_twitter

L'allenatore ha presentato in conferenza stampa la sfida di domani contro il Cittadella: "E' una squadra molto temibile e la rispettiamo. Maniero ci tornerà utile in questi impegni ravvicinati. Da Cruz? Faccio i complimenti agli scout, ha grandi potenzialità"

Vigilia di Novara-Cittadella, gara valevole per la quarta giornata del campionato di Serie B: nella sala stampa dello stadio Piola, Corini ha fatto il punto sulla sfida di domani. “Casarini e Dickmann hanno chiesto di essere convocati per stare a fianco alla squadra, ma di certo non saranno arruolabili, loro due insieme a Sansone e Mantovani contiamo di recuperarli in vista della partita con l’Avellino. Rimpianti per Federico? Ha dimostrato grande disponibilità a Carpi, sapevamo di assumerci qualche rischio, si sta allenando per recuperare ed è sereno. Maniero? Lo vedo meglio, lo vedo più pronto e in questo ciclo ravvicinato di gare penso che riuscirà a ricavarsi una chance importante. Il Cittadella? L’anno scorso sono partiti molto forte arrivando poi ai playoff, è consolidata nelle strutture e nelle linee di gioco, è una squadra assolutamente temibile e per questo devo fare i complimenti a Venturato, che tra l’altro è stato mio compagno di corso. Abbiamo grande rispetto per i nostri avversari e per i loro punti di forza, ma la cosa fondamentale è la consapevolezza nel nostro lavoro. Abbiamo tanto da mettere in campo e lo abbiamo dimostrato vincendo una partita complicata come quella di Ascoli” ha detto l’allenatore.

Corini: “Ho visto carattere e capacità di reagire”

Sulla continuità: “Penso che il risultato sia sempre una risposta, nel breve periodo è importante analizzare quello che c’è dietro, in queste prime partite la squadra ha mostrato carattere e capacità di reagire alle difficoltà; se hai un’identità forte questo è un fattore che può essere determinante nell’economia dell’intero campionato.” Sull’attacco: “Chico può giocare al posto di Sansone, assente per infortunio, lo abbiamo provato spesso in allenamento ed è una soluzione che teniamo in considerazione. Di Mariano? Lo conoscevo e l’ho studiato molto anche prima di diventare allenatore del Novara, sono contento dell’impatto che ha avuto sulle ultime partite, ha dei margini di crescita importante e l’età dalla sua parte. Non conoscevo Da Cruz, ho fatto i complimenti al ds e all’area scouting, ha dimostrato grandi potenzialità ed è molto giovane, per qualità fisiche e tecniche, come Francesco, ha grandi margini di miglioramento. Sia chiaro, tuttavia, che non permetterò a nessuno di appoggiarsi su quanto di buono fatto nelle ultime 2 gare, bisogna consolidare le proprie capacità di partita in partita. L’azione a tutto campo di sabato scorso mi ha ricordato un gol che ho subito da giocatore del Verona contro il Milan, fui l’ultimo a essere saltato dal milanista George Weah”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche