Risultati e classifica di Serie B: la 4^ giornata

Serie B

Dopo gli anticipi a Venezia e Cesena, la 4^ giornata della Serie B riserva lo show degli umbri in vetta alla classifica insieme a Carpi e Frosinone, vittorioso contro il Bari. Sale l'Empoli, Palermo bloccato a Foggia. Zeman beffato al 90' a Salerno, colpo del Novara. Sorride l'Entella, solo un punto per la Pro Vercelli

RISULTATI E CLASSIFICA DELLA SERIE B

Nessuna sosta per la Serie B, campionato che archivia la 4^ giornata in attesa del turno infrasettimanale. Dopo gli anticipi a Venezia e Cesena, il pomeriggio di partite è ripartito dai numeri record d’inizio stagione con 96 gol già segnati, un bottino mai raggiunto dal ritorno del campionato a 22 squadre nel 2004. Ecco perché il sabato targato Serie B prometteva ancora spettacolo, aspettative accolte da incroci e novità riservate dal vertice alla coda della classifica.

CREMONESE-CARPI 1-1

1' Brighenti (CR), 34' Mbakogu (CA)

Si ferma a 3 la striscia di successi consecutivi del Carpi, sempre vittorioso di misura prima del pareggio allo Zini. Basta un minuto alla Cremonese per macchiare la difesa emiliana in precedenza imbattuta: assist di Mokulu e gol di capitan Brighenti, simbolo della squadra dove ha accumulato 69 reti a partire dal 2013. Mister Calabro si aggrappa ai soliti noti: se Malcore parte dalla panchina, l’altro fattore offensivo porta la firma di Mbakogu a segno in pallonetto. Frenata quindi la fuga a punteggio pieno del Carpi, agguantato dal Perugia grazie alla solidità dei grigiorossi. È già una certezza la neopromossa di Tesser, tornata in Serie B a distanza di 11 anni e già affacciata ai piani alti della classifica a quota 7 punti.

PERUGIA-PARMA 3-0

18' Han, 51' e 67' Buonaiuto

Se il Carpi rallenta sul campo della Cremonese, il Perugia dimentica il pareggio raccolto a Cittadella e si aggiudica il confronto tra candidate alla promozione in Serie A. Festa al Curi per l’ennesimo successo degli uomini di Giunti, squadra dalla chiara fisionomia e dal tridente letale: prendete il nordcoreano Han Kwang-Son, 19enne in prestito dal Cagliari e già autore di 5 gol in 4 partite. Suo il vantaggio propiziato da Buonaiuto, grande protagonista della sfida nonché artefice della doppietta nella ripresa che chiude ogni discorso. Attenzione all'ala classe 1992 esplosa in Lega Pro alla Maceratese con Bucchi, allenatore che lo portò a Perugia nella scorsa stagione e che gli concesse una vetrina temporanea a Latina. Umbri al comando della classifica con 10 punti insieme al Carpi, D’Aversa incassa invece il 2° stop di fila dopo il passo falso contro il Brescia sotto il diluvio del Tardini. Emiliani obbligati a rialzarsi già dal turno infrasettimanale nello scontro diretto con l'Empoli.

FROSINONE-BARI 3-2

5' aut. Cassani (F), 15' e 29' rig. Improta (B), 30' Ciofani (F), 71' Sammarco (F)

Cinque gol al Partenio e tre punti per il Frosinone di Moreno Longo, uscito indenne da Pescara e tornato al successo nella dimora provvisoria di Avellino. In attesa dell’inaugurazione del nuovo 'Benito Stirpe', i ciociari regolano 3-2 un Bari già in crisi di risultati. Senza lo squalificato Dionisi e lo sfortunato Paganini, due errori di Cassani e Micai propiziano le reti gialloblù dove figura il solito Ciofani (3° acuto in campionato). Un bottino eguagliato da Improta, due volte a segno e puntuale nello stabilire il pareggio prima dell’intervallo. Tuttavia nella ripresa il 3-2 decisivo è realizzato da Sammarco, rete che spedisce il Frosinone al comando insieme a Perugia e Carpi. Male invece i pugliesi di Fabio Grosso al 3° ko di fila dopo le sconfitte contro Empoli e Venezia, passi falsi che restituiscono un avvio di stagione certamente al di sotto delle aspettative.

FOGGIA-PALERMO 1-1

42' Nicastro (F), 80' Murawski (P)

Solo nel finale il Palermo scongiura la prima sconfitta in campionato dell’era Tedino, allenatore che strappa l’1-1 sul campo del Foggia ancora a secco di vittorie. Che fatica per i rosanero di Coronado e della coppia macedone Trajkovoski-Nestorovski, sotto nel punteggio all’intervallo con il vantaggio pugliese di Nicastro. Nono gol in Serie B per l’ex Perugia, siciliano di Caltanissetta e cresciuto calcisticamente nel Catania. Peggior difesa del campionato con 11 gol incassati in 270’, i rossoneri non smentiscono il trend negativo incassando all’80’ il pareggio del polacco Murawski, centrocampista 23enne preteso sul mercato proprio da Tedino. Il suo acuto tiene a galla i siciliani e frena l'entusiasmo del pubblico dello Zaccheria, casa del Foggia stabilmente in penultima posizione. Certo è che Stroppa accoglie segnali confortanti dopo il complicato avvio di stagione.

EMPOLI-ASCOLI 3-0

37' Donnarumma, 59' Caputo, 85' Ninkovic

Male la coppia macedone del Palermo, decisamente esaltante il tandem Caputo-Donnarumma in forza all’Empoli. La nuova coppia d'attacco degli ambiziosi toscani di Vivarini regala un netto successo contro l'Ascoli travolto 3-0 al Castellani: apre l'ex Salernitana e arrotonda 'Ciccio', partner di reparto già a quota 5 reti per un totale di 95 gol in Serie B. Una garanzia in categoria, d'altronde l'Empoli ha versato 3 milioni di euro all'Entella per assicurarsi uno dei migliori bomber del campionato. Nel finale arriva pure il tris del serbo Ninkovic, parcheggiato in prestito dal Genoa. Gli azzurri salgono così a 8 punti a -2 dal trio di testa, trend che ribadisce la voglia di Serie A della società toscana. Ancora uno stop invece per i marchigiani di Fiorin e Maresca, sconfitti per la terza volta in 4 partite e vincolati al terzultimo posto.

VIRTUS ENTELLA-TERNANA 3-1

3' Eramo (V), 30' Montalto (T), 55' Luppi (V), 60' aut. Gasparetto (V)

Primo stop stagionale per la Ternana targata Pochesci, gradita rivelazione d'inizio stagione dalla nuova proprietà Unicusano alla filosofia offensiva del nuovo allenatore. A Chiavari si registra piuttosto l'attesissimo successo di padroni di casa, reduci in precedenza dalla beffa nel derby ligure contro lo Spezia. Tre punti d'oro per Castorina, tecnico confermato dalla scorsa stagione eppure orfano di bomber Caputo già straripante ad Empoli. Eramo esalta l'Entella in avvio prima del pareggio di Montalto, ex Trapani schierato titolare per la prima volta e subito a segno. I secondi 45’ premiano i padroni di casa letali con Luppi e la sfortunata autorete di Gasparetto: fuori dai bassifondi della classifica e staccati di una sola lunghezza dalla Ternana, i liguri guardano quindi con ottimismo al turno infrasettimanale sul campo del Pescara.

SALERNITANA-PESCARA 2-2

25' Capone (P), 72' Pettinari (P), 78' Sprocati (S), 90' Minala (S)

Che rimonta nel finale della Salernitana, reazione d’orgoglio che accantona le difficoltà d’inizio stagione tra gol e punti. E pensare che fino al 78’ il Pescara di Zeman godeva del doppio vantaggio con il baby Capone (ala classe 1999 di proprietà dell’Atalanta) e ovviamente Pettinari, già abbonato alle triplette e capocannoniere della B con 7 reti. Bollini ringrazia piuttosto la perla di Sprocati e l'istinto di Minala, autore quest’ultimo del 2-2 al 90’ sfruttando un calcio piazzato di Vitale. Ancora a caccia della prima vittoria in campionato, quantomeno i granata incassano un punto davanti al pubblico dell’Arechi. Ultimi 15' rivedibili per Zeman, beffato ai titoli di coda nonostante la situazione favorevole come contro il Frosinone, macchia che costa un ritardo di 5 lunghezze dalla vetta.

NOVARA-CITTADELLA 1-0

94' Di Mariano

Come all’Arechi anche il Piola esulta a tempo scaduto, addirittura all’ultimo minuto di recupero grazie al 21enne Francesco Di Mariano. Se la prima vittoria in campionato del Novara aveva il profilo di Alessio Da Cruz, doppio marcatore nella trasferta al Del Duca, il 2° successo di fila per Corini arriva dall'ingresso in campo nella ripresa dell'ex attaccante della Roma, alternativa offensiva di Macheda. Già archiviata quindi la doppia delusione in avvio di campionato dettata da Parma e Carpi: salgono le gerarchie i piemontesi ora a 6 punti davanti al Cittadella, bestia nera che non battevano in casa dal 2005 in C1. A bocca asciutta Venturato, nuovamente sconfitto in trasferta dopo l'impegno contro il Frosinone, stop che mantiene i granata a quota 4 in classifica.

BRESCIA-PRO VERCELLI 0-0


L’unico pareggio senza reti nel sabato della Serie B va in scena al Rigamonti, sfida che regala il primo punto stagionale alla Pro Vercelli di Grassadonia dalla fiducia rinnovata da parte della società. Uscito sconfitto nelle prime tre gare stagionali contro Frosinone, Ascoli e Cremonese con 7 gol al passivo, il neo allenatore piemontese maledice il palo colpito in avvio da Firenze. Poca fortuna anche per i lombardi di Boscaglia, più brillanti soprattutto nei secondi 45' eppure frenati dalla Pro. Il fattore campo produce solo un pareggio utile quantomeno a muovere la graduatoria: sono 5 i punti del Brescia stabilmente a metà classifica.

I più letti