Palermo-Perugia, Giunti: "Secondo me il rigore non c’era"

Serie B

L’allenatore del Perugia ha parlato della sconfitta subita a Palermo nel turno infrasettimanale, sottolineando come il rigore concesso ai rosanero sia stato abbastanza generoso

Primo passo falso di questo campionato per il Perugia, sconfitto a Palermo da un rigore contestatissimo di Nestorovski. Un risultato che amareggia e non poco Federico Giunti, comunque soddisfatto della prestazione offerta dai suoi uomini: "Gli episodi ci hanno girato a sfavore. Nonostante qualche piccola defezione dell’ultimo momento abbiamo fatto la nostra gara" le parole dell’allenatore del Perugia dopo il ko con il Palermo. "Tanti gli episodi da una parte dall’altra, entrambe le squadre potevano sbloccare il risultato. Il rigore secondo me non c'era ma non voglio parlare dell'arbitro. Nel primo tempo il Palermo non ci ha quasi mai impensierito, siamo rimasti un minuto in dieci con Colombatto fuori e loro hanno avuto una occasione, poi c’è stata la palla di Buonaiuto, peccato per l'occasione non sfruttata che poteva cambiare la partita. Nel secondo tempo le occasioni sono state equivalenti, al netto di tutti gli errori tecnici ed arbitrali poteva finire con un pareggio tranquillamente e a noi sarebbe stato benissimo".

Testa al Frosinone

Palermo è ormai alle spalle, Giunti si concentra già sul Frosinone: "Prepareremo la gara con il Frosinone come sempre, tenendo a mente sia le cose negative che positive viste con i rosanero. Il campionato di Serie B è sempre imprevedibile. Per sabato spero di recuperare Terrani e avere Di Carmine il cui problema non penso sia preoccupante, per questa partita avevo il diniego dello staff medico. Per Bianco solo una ferita lacero-contusa. Senza Cerri e Di Carmine attacco 'leggero'? Mustacchio e Han hanno fatto bene, se non abbiamo le punte strutturate dobbiamo trovare in ogni caso altre soluzioni. Le nostre occasioni le abbiamo create ed è stato un peccato non trasformarle con Buonaiuto e Han. Ora testa al Frosinone".

I più letti