Novara, Chiosa e Calderoni in conferenza stampa: "Invertiamo la rotta"

Serie B

I due difensori hanno parlato della prossima partita di campionato, contro il Foggia. Così Chiosa: "Massima attenzione, vogliamo rialzarci". Calderoni: "Vincere per la svolta, dobbiamo ritrovare coraggio e autostima"

Si rinnova l’appuntamento con la conferenza stampa infrasettimanale, in casa Novara: a quattro giorni dalla sfida col Foggia, gara valevole per la settima giornata del campionato di Serie B, Chiosa e Calderoni hanno preso la parola in conferenza stampa allo stadio Piola. Comincia Calderoni: “Viviamo un momento delicato ed è chiaro che tutti dobbiamo mettere qualcosa in più nelle prestazioni, gli infortuni sono alibi, così come i moduli e gli arbitri. Di chiacchiere se ne fanno tante, dobbiamo pensare solo ed esclusivamente alla partita, scendendo in campo concentrati per evitare le disattenzioni che nelle ultime partite ci sono costate care. In questo momento se gli attaccanti fanno fatica a segnare vuol dire che noi dietro dobbiamo impegnarci di più; abbiamo rivisto la partita e tutti gli errori commessi, sappiamo di dover ripartire con più rabbia e più determinazione, la partita di domenica deve essere quella della svolta, se vinci a Foggia acquisti coraggio e autostima”.

Chiosa: “Bisogna invertire la rotta”

Ha proseguito così Chiosa: “Solitamente i dati spiegano le situazioni, il fatto di aver totalizzato 2 vittorie e 4 sconfitte è significativo, dobbiamo invertire la rotta già domenica, i gol presi nei primi minuti indirizzano le gare, poi occorre il doppio dello sforzo per tornare in piedi. Il Foggia partirà forte, giocano in casa e so quanto entusiasmo possa dare uno stadio come quello; ha ottenuto i nostri stessi punti, è una delle peggiori difese del campionato ma gioca un gran calcio e ha giocatori che sanno palleggiare bene, hanno un grande reparto offensivo e dovremo prestare la massima attenzione. E’ vero che non siamo riusciti a concretizzare a sufficienza ma è anche vero che giocare sempre contro avversari che si chiudono ti espone necessariamente a ripartenza e pericoli, non a caso contro il Parma abbiamo disputato una delle nostre migliori gare. Lavoriamo di squadra in entrambe le fasi, ognuno di noi per rendere al massimo ha bisogno del sostegno dei compagni, lo sappiamo e vogliamo rialzarci fin da subito”.

I più letti