Avellino, rinascita Bidaoui: "Sento una nuova fiducia. Rinnovo? Mi piacerebbe restare"

Serie B

Il fantasista belga: "L'anno scorso non ero al 100%, ora sento la fiducia di Novellino: mi manca solo il gol. Bari? Speriamo di vincere". Sul rinnovo: "Non ne abbiamo parlato, ma mi piacerebbe restare"

Una partenza di campionato super per l’Avellino di Novellino, appena un punto sotto il Frosinone capolista dopo sette giornate di Serie B. A trascinare i Lupi anche Soufiane Bidaoui: il belga, dopo una stagione, l’ultima, a singhiozzo, sembra aver ritrovato colpi e continuità: “Non ero al 100% a causa di qualche infortunio – ha spiegato il classe 1990 in conferenza stampa – quest’anno mi sento bene, sento la fiducia del mister. L’obiettivo è giocare il più possibile e far bene con questa maglia. Non importa se dall’inizio o a gara in corso – ha aggiunto – quando entro nel secondo tempo però riesco a sfruttare la stanchezza delle difese avversarie”. E non importa nemmeno se Walter Novellino lo chiama ‘Bedaoui’, suscitando l’ilarità del diretto interessato, che se la ride durante l’allenamento: “Con il mister c’è un buon rapporto, ha fiducia in me e mi fa giocare di più - ha continuato l’ex Latina - mi manca soltanto il gol, spero di farne tanti e di essere maggiormente incisivo”.

"A Bari speriamo di vincere. Rinnovo? Mi piacerebbe..."

Nella prossima giornata per i campani ci sarà la trasferta di Bari, pronto a riscattare al San Nicola la sconfitta di La Spezia: “Speriamo di vincere”, ha ammesso Bidaoui. “Affrontiamo una squadra importante con calciatori di valore, è una partita difficile ma noi andiamo lì per fare risultato. Abbiamo una squadra più forte dell’anno scorso e la concorrenza ci sta tutta. Quando il mister mi dà la possibilità di giocare voglio dare sempre il massimo”. Contratto in scadenza il prossimo giugno per il belga, con i tifosi che ne hanno chiesto a gran voce il prolungamento dopo averne constatato la rinascita: “Sono contento e mi piacerebbe rimanere qui ma al momento non abbiamo parlato di rinnovo”, ha concluso.

I più letti