Carpi, Calabro: "Ottima reazione nelle difficoltà"

Serie B

L’allenatore biancorosso analizza il momento della squadra: "Bisogna rimanere concentrati, nei momenti di difficoltà sono emersi spirito di gruppo e sacrificio. Pro? Campo difficile, sarà un avversario duro da affrontare"

"La squadra non dev’essere né preoccupata dalle assenze né galvanizzata dalla vittoria sul Cesena, deve pensare a correre e restare concentrata. Allo stesso modo io e lo staff siamo coscienti che i momenti di difficoltà ci sono in tutti i campionati ed è in questi momenti che escono lo spirito di squadra, il gruppo, il sacrificio e la determinazione nel lavoro quotidiano", messaggio chiaro quello lanciato in conferenza stampa da Antonio Calabro alla vigilia della sfida di campionato contro la Pro Vercelli. Una gara che non lascia tranquillo l’allenatore del Carpi: "Che Pro Vercelli mi aspetto? Quella delle ultime tre gare. Hanno cambiato fisionomia, atteggiamento, modulo, hanno fatto 5 gol al Perugia e al Cittadella, segnano su palla inattiva e sono una squadra dura da affrontare su un campo molto difficile".

"Difficile giocare su campi come quello della Pro"

"Questa partita ha le stesse difficoltà di quella sul campo della Virtus Entella. Sono campi sintetici, piccoli, particolari in cui la squadra di casa si avvantaggia particolarmente di questo. Dobbiamo essere bravi ad adeguarci immediatamente alle necessità della partita, pochi fronzoli e pochi minuti di adattamento perché non farlo potrebbe essere compromettente per l’esito della gara. Soprattutto su questi campi vanno messi atteggiamento, aggressività, attenzione difensiva e sulle palle inattive. Il Carpi va messo in campo per le caratteristiche che hanno i giocatori, è inutile chiedere cose che non sono nelle corde quando ce ne sono altre positive", ha aggiunto Calabro.

"Giocatori? Scelgo anche in funzione dell’avversario"

Calabro poi prosegue: "I tanti cambi tra una gara e l’altra? Ci sono dei giocatori funzionali e questa è una fortuna per l’allenatore. Nel 3-5-2 ci sono ruoli più usuranti di altri, gli esterni e gli interni di centrocampo consumano molte più energie degli altri, e poi si cerca di utilizzare i giocatori anche in funzione dell’avversario e dei momenti della partita. E’ un campionato in cui ogni partita richiede sforzi immensi per conquistare ogni punto, questa settimana abbiamo tre gare in sette giorni e va ponderato tutto", ha concluso l’allenatore del Carpi.

I più letti