Cremonese, Tesser: "Non mi fido dell'Ascoli, raddoppieranno gli sforzi. Noi in Serie A? Piedi per terra..."

Serie B

Le parole dell’allenatore della Cremonese in vista della sfida contro l’Ascoli, valida per la sedicesima giornata di Serie B: "Non mi fido del loro momento. Il nostro rendimento? Mi fa piacere che si parli di promozione, vuol dire che stiamo facendo bene. Ma il nostro obiettivo è la salvezza"

Tanta voglia di ripartire e ritrovare il sorriso dopo aver collezionato soltanto un punto nelle ultime due partite, ma allo stesso tempo consapevolezza dei propri mezzi e concentrazione altissima per la delicata trasferta della Cremonese sul campo dell’Ascoli. Parole chiare quelle di Attilio Tesser, che nonostante il periodo complicato vissuto dai bianconeri – ultimi in classifica, reduci da quattro sconfitte consecutive e alle prese con il presidente Bellini che ha lasciato la società- non si fida della squadra marchigiana. "Non so se il momento attraversato dall’Ascoli possa rappresentare un vantaggio o uno svantaggio – ha detto l’allenatore della Cremonese in conferenza stampa -, ma noi non ci dobbiamo fare condizionare, dobbiamo soltanto approcciarci bene alla partita perché non sarà semplice, anche perché loro hanno una tifoseria calda. Tutto è possibile. Le loro assenze? Sabato a Parma, nonostante il risultato che è maturato nel finale, hanno sbagliato un rigore e hanno fatto una partita importante. Quando si verificano situazioni così delicate spesso si raddoppiano gli sforzi. Dopo la sconfitta interna contro il Palermo non era facile giocare a Salerno, ma i primi 35 minuti sono stati decisamente positivi, abbiamo saputo reagire più con volontà che con lucidità e abbiamo ottenuto un buon pareggio. Adesso concentriamoci su domani". 

Serie A? Restiamo con i piedi per terra

Nonostante la frenata dell'ultimo periodo, il campionato della Cremonese rimane di alto livello, tanto da portare qualcuno a parlare di un possibile obiettivo promozione. "Per domani sto valutando dei cambi, sia per lo stato nostro che gli avversari. Il gruppo è cementato, tutti sono in sintonia e andiamo bene, siamo compatti. Noi lavoriamo tutti i giorni sulla fase difensiva, se non concedi ripartenze vuole dire che non sei perfetto, di più. La Serie A? Mi fa piacere che se ne parli - ha concluso Tesser - perché vuol dire che stiamo facendo bene, ma tengo i piedi per terra. Quest’anno siamo partiti con l’obiettivo della salvezza, rispetto all’anno scorso quando puntavamo al salto di categoria e siamo arrivati in Serie B. Io dico di pensare partita per partita, se fossimo ad aprile sarebbe un altro discorso. Se dovessimo essere bravi a portare un risultato completo ad Ascoli, soddisferemmo ancora la proprietà e la città, ma sarebbe solo un risultato positivo. Serve equilibrio in tutte le cose e molta tranquillità. Oggi abbiamo delle certezze, uno o due cambiamenti ogni tanto sono giusti".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.