Empoli, Vivarini: "Col Carpi imponiamo il nostro gioco. Stiamo trovando il giusto equilibrio"

Serie B

L'allenatore azzurro alla vigilia della sfida col Carpi: "Loro sono una squadra combattiva, hanno un gran collettivo. Ma noi dobbiamo pensare a imporre il nostro gioco e trovare il modo per dominarli. Stiamo trovando l'equilibrio giusto"

Empoli reduce da un pareggio per 1-1 a Novara ed ora fermo a quota 26 punti in classifica, nel gruppone di testa. Azzurri che saranno impegnati contro il Carpi in questo weekend, partita presentata così da Vincenzo Vivarini: "Il Carpi è una squadra con caratteristiche ben delineate, una squadra di combattenti, determinata e cattiva – ha dichiarato l'allenatore azzurro – Hanno individualità adatte al tipo di gioco che propongono, ma allo stesso tempo un gran collettivo e hanno mentalità precisa. Giocano molto compatti, sono bravi sulle seconde palle e a fare densità: per questo dovremo essere bravi a limitarli, provando a vincere i duelli individuali, ripulire la palla e fare gioco. Sono una squadra che proverà a metterci in difficoltà, ma noi dovremo pensare a noi stessi, andando ad imporre il nostro gioco e trovando la forza per dominare la gara, gestendo al meglio ogni momento. Adesso stiamo trovando un giusto equilibrio – ha proseguito Vivarini - e cominciamo ad avere quella solidità che stiamo cercando da tempo e su cui abbiamo lavorato molto. Nell´ultimo periodo dovevamo sistemare quelle carenze che erano emerse e ci stiamo riuscendo aumentando la concertazione, diventando più cattivi e andando a vincere tutti i contrasti e i duelli. Siamo cresciuti da questo punti di vista e ora dobbiamo andare a raccogliere i frutti. La fase di possesso? Per le nostre caratteristiche siamo una squadra che deve continuare a giocare, proporre calcio e divertirci. Penso che abbiamo ancora tantissimi margini di miglioramento: abbiamo un elevato livello tecnico e come detto c´è bisogno del giusto equilibrio per trovare maggior sicurezza in tante situazioni, compresa la gestione della palla le giocate. Oggi abbiamo forse meno continuità di azione ma nel momento in cui la squadra prenderà le sicurezze che dicevo prima, non potrà che crescere. Siamo una squadra che può proporre tante soluzioni, anche diverse tra loro: in settimana abbiamo lavorato anche su qualcosa di diverso perché dobbiamo avere la capacità di sfruttare al meglio tutte le nostre risorse".

"Non ci diamo obiettivi"

"Il ritorno di Pasqual? – prosegue - Recuperiamo un giocatore importante che può darci una mano sotto tanti punti di vista. Siamo una squadra con l´età media molto bassa rispetto alle altre e il suo rientro ci dà esperienza e tranquillità in campo, oltre che grande qualità in fase di sviluppo, pensando anche al modulo con cui giochiamo che ben si adatta alle sue caratteristiche. La classica me l´aspettavo così , perché in serie B non c´è grande divario economico e ognuno può allestire una squadra con valori importanti e tutti hanno un qualcosa che gli permette di far bene. Momento di svolta? Dobbiamo essere chiudere bene il girone di andata e per fare ciò è fondamentale pensare partita dopo partita e oggi concentrarci sul Carpi. In questo momento non serve darsi obiettivi, ma avere la capacità di rimanere agganciati ai primi posti e sistemare i vari problemi che emergono. L´obiettivo deve essere quello di arrivare al momento cruciale della stagione nel migliore dei modi, con una squadra fresca e con le idee chiare".

I più letti