Pro Vercelli, Pigliacelli: "La squadra è unita. Brescia? Vogliamo vincere a tutti i costi"

Serie B
Mirko Pigliacelli, portiere della Pro Vercelli
pigliacelliok_twitter

Il portiere dei piemontesi carica la squadra dopo le due vittorie consecutive: "Ora bisogna fare più punti possibili, non abbiamo mai mollato. La svolta? Dopo Frosinone. A Cremona ci abbiamo messo carattere"

SERIE B, CALENDARIO E ORARI DELLA 25^ GIORNATA

Due partite che hanno risollevato il morale e, soprattutto, la classifica. I sei punti conquistati dalla Pro Vercelli dal ritorno di Gianluca Grassadonia in panchina hanno permesso alla squadra di lasciare l’ultima posizione e di portarsi a sole due lunghezze da una foltissima zona salvezza. Equilibrio ritrovato per i piemontesi, che ora, come ammesso da Mirko Pigliacelli in conferenza stampa, puntano al tris: “Sicuramente dopo la partita con il Frosinone eravamo ultimi ed era facile lasciarsi andare: l’ambiente non ci credeva, ma noi non abbiamo mai mollato. Conosciamo la nostra forza e dopo quella sconfitta ci siamo uniti maggiormente: dobbiamo lavorare e remare tutti nella stessa direzione, e nelle partite successive sono arrivate due vittorie fondamentali. Ora servono punti su ogni campo”, ha detto. “Tutte le squadre corrono in classifica, ma dobbiamo pensare a noi stessi. L’importante è provare a fare punti contro tutti, poi a fine anno tireremo le somme. Sabato (contro il Brescia, ndr) è uno scontro diretto, vogliamo fare punti a tutti i costi".

"La svolta dopo i 4 gol di Frosinone"

Cremonese tappa fondamentale per la rinascita, una vittoria esterna che mancava da tre mesi: “L’approccio della squadra è stato ottimo su un campo difficile - ha continuato il portiere dei piemontesi - Siamo andati sotto e non era facile, ma siamo stati bravi a ribaltarla. Abbiamo impresso il nostro gioco e il nostro ritmo, la parata è il mio ruolo e il mio lavoro. Complimenti ai miei compagni. La vittoria poteva essere anche più ampia”. Squadra cresciuta anche di carattere: “Questo fa la differenza, è fondamentale per riuscire a salvarci. Senza cattiveria e voglia non si può ottenere nulla. Con il ritorno del mister siamo più uniti, nello spogliatoio si vive bene. Dai 4 gol di Frosinone abbiamo svoltato”. Una battuta finale, poi, su Grassadonia, tornato in panchina dopo l’esonero di dicembre: “Non lo conoscevo personalmente, ma lo seguivo. Mi piace la sua idea di calcio e il modo in cui prepara le partite: è molto scrupoloso. Adoro come vede il calcio e come interpreta il ruolo del portiere nel calcio. Grassadonia è diverso da Zeman: entrambi curano molto la fase offensiva e propongono un bel gioco, ma Grassadonia lavora molto anche sulla difesa”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport