Carpi, Calabro: "Brutta sconfitta, commessi errori gravi"

Serie B
Calabro_Carpi_Lapresse__1_

L'allenatore del Carpi dopo la sconfitta di Foggia: "Eravamo partiti bene, poi abbiamo commesso degli errori che non dobbiamo permetterci di ripetere. Quando perdi le responsabilità sono sempre dell'allenatore, ma a Carpi c'è una società che riesce sempre a starti vicino"

Brutta sconfitta in casa del Foggia, il Carpi viene battuto per 3-0 e frena nella rincorsa playoff. Abbastanza duro l'allenatore Antonio Calabro, che ha commentato così il ko dello Zaccheria: "E’ una sconfitta che ci deve far riflettere, lunedì la analizzeremo bene perché se vogliamo fare punti in certi campi e contro certe squadre dobbiamo evitare certi errori – ha dichiarato l'allenatore del Carpi - Eravamo partiti bene in entrambi i tempi, poi ci siamo allungati e allargati e se concedi spazi a questi avversari ti mettono in difficoltà. Non dobbiamo più ripetere certi errori sia di squadra che individuali. Abbiamo perso le marcature anche in area e le distanze in certi momenti, bisogna partire dalle basi per fare bene le cose. Quando ci siamo allungati e allargati è poi subentrato anche il nervosismo e tutto è stato più difficile e abbiamo commesso errori che non ci possiamo permettere".

"Responsabilità mie, ma l'ambiente è sempre vicino all'allenatore"

"Le scelte degli uomini? Concas perché volevamo lavorare con lui sul loro mediano basso in fase di non possesso e credo che nel primo quarto d’ora di gara ci fossimo anche riusciti bene, riuscendo a essere pungenti anche grazie al lavoro di Cico – prosegue - Nzola l’abbiamo inserito perché non riuscivamo ad allungare la difesa avversaria e ne avevamo bisogno per poi ripartire e avevamo bisogno anche di centimetri. Calapai per Pasciuti invece perché Lorenzo era ammonito e non volevamo perderlo per la prossima partita, mentre l’ingresso di Jelenic è stato per dargli minutaggio. Se è il momento più difficile? La cosa positiva di questa Società è che l’allenatore non si sente mai solo, si condivide tutto il lavoro con lo staff e lunedì vedremo la partita insieme e inizieremo a lavorare sugli errori commessi. Poi è normale che le responsabilità sono sempre dell’allenatore ma in questo ambiente l’allenatore è messo nelle condizioni di lavorare bene perché ha l’aiuto di tante persone".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche