Pescara-Cremonese, Zeman: "Non sono rassegnato, torneremo a segnare. Dobbiamo essere più veloci"

Serie B

L'allenatore boemo commenta il secondo pareggio per 0-0 consecutivo del suo Pescara: "Siamo troppo lenti, se tocchiamo la palla 4-5 volte prima di giocarla, diventa tutto più difficile. L'attacco? Non ha segnato, quindi non mi è piaciuto..."

SERIE B, I RISULTATI DELLA 27^ GIORNATA: GOL E HIGHLIGHTS

Ancora uno 0-0, il secondo consecutivo, per il Pescara. E se l'allenatore è Zdenek Zeman, diventa una notizia. L'allenatore boemo ha commentato il pareggio interno contro la Cremonese nella conferenza stampa post-partita: "Non mi piace se rimaniamo senza gol. Abbiamo cercato giocate troppo complicate, poi è normale che se dai all'avversario la possibilità di sistemarsi diventa tutto difficile. Qualche miglioramento e qualche tiro rispetto alla gara con l'Entella l'abbiamo fatto, ma non basta". Ma dove va ricercata la causa della poca consistenza in attacco? Zeman ha la risposta: "Siamo lenti in fase d'impostazione, lenti a giocare: se ogni giocatore tocca la palla 4-5 volte è normale che l'avversario ha tempo di organizzarsi e di andare in marcatura. Loro dietro sono bravi, gli abbiamo lasciato spazio per il contropiede. Dobbiamo giocare più veloce e molto più semplice, non ci siamo riusciti".

"Non sono rassegnato, abbiamo le qualità"

E' uno Zeman che a tratti sembra quasi rassegnato: "No, non lo sono. Sono convinto che abbiamo le qualità per poter tornare a segnare e speriamo di farlo e migliorare già dalla prossima. L'attacco? Non mi è piaciuto perché non ha fatto gol, anche se qualche conclusione in più c'è stata. Ma è poco. Per vincere bisogna martellare la difesa avversaria, invece noi cerchiamo il fondo e la bandierina: da lì è difficile fare gol. Ho cambiato tanto in attacco perché nell'ultima partita avevamo fatto poco in fase offensiva, pensavo di riuscire a fare qualcosa in più con due giocatori tecnici sugli esterni e con uno di peso in mezzo". Sulla prestazione di Falco, reduce da un lungo stop, Zeman aggiunge: "Mi aspettavo di più, ma è normale una prestazione così: era la prima partita dopo un lungo infortunio. E' stato troppo timido e meno attaccante di come mi aspettavo, è andato poco al tiro e lui ce l'ha. Ma tutta la squadra deve scendere in campo e mettere più cattiveria e fare delle giocate più facili".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.