Ternana-Frosinone, De Canio: "Non molliamo assolutamente"

Serie B
de_canio_ternana

L'analisi dell'allenatore degli umbri prima della sfida col Frosinone: "I pronostici di danno per sfavoriti nella prossima sfida e già condannati per la retrocessione. Questo ci deve dare la forza di andare avanti"

Ultimo posto, stagione negativa. La Ternana è in un baratro ed è quasi all'ultima spiaggia. Serve un'altra vittoria per risollevare l'ambiente. Dopo la sconfitta con l'Ascoli dell'ultimo turno, De Canio invita i suoi a non mollare prima della sfida contro il Frosinone, in casa: "Ci danno già per spacciati e condannati alla retrocessione, ma non dobbiamo mollare". Questo il succo della conferenza stampa alla vigilia della sfida contro Longo&co. Nonostante i risultati negativi e l'ultimo posto, la Ternana ci crede. De Canio in primis. 

"Non molliamo assolutamente!"

Prima della partita di Ascoli i ragazzi avevano fatto molto bene, i risultati erano arrivati. Capisco benissimo lo scoramento dell'ambiente ma noi non molliamo assolutamente. Ai giocatori non ho nulla da rimproverare, mi hanno dimostrato sempre massima disponibilità, hanno voglia di imparare e si allenano sempre al massimo. Certo, mettere in pratica le cose durante la gara del sabato non è semplice. Contro Cremonese e Spezia abbiamo giocato bene, pure contro Bari e Venezia. Abbiamo giocato con intelligenza senza prendere imbarcate. Non ho la bacchetta magica, ma vedo i miglioramenti". Prosegue De Canio, contro il Frosinone una sfida delicata: "I pronostici di danno per sfavoriti, già condannati alla retrocessione. Questo ci deve dare forza. Io vedo da vicino i giocatori, in allenamento due di loro si sono fatti male in uno scontro. Un allenatore prima di schierare un giocatore deve pensare a molte cose: se sta bene, se ha recuperato dalla botta. Con il senno di poi è più facile giudicare le scelte. I giocatori si impegnano tutti e io cerco di far sentire tutti utili e importanti. Quasi tutti hanno giocato con me". 

"Le dimissioni del team manager mi hanno sorpreso"

Dopo l'ultima sfida contro l'Ascoli il team manager della Ternana si è dimesso: "Mi ha sorpreso, ma in quel momento mi sono lasciato andare. Se abbiamo perso non è stata colpa sua, oggettivamente. E' stato un equivoco, ci siamo arrabbiati, stavamo giocando male ed è andata così. Se avessi potuto avrei cambiato tutta la squadra, in quel momento mi serviva una punta in più. Il momento poteva essere gestito sicuramente meglio". Parentesi sul Frosinone, secondo in classifica: "Mi baso sulla forza dei miei, attraverso la formazione devo dargli un segnale. Loro hanno segnato molto da palle inattive, hanno molta fantasia e non voglio giocare soltanto per limitare l'avversario. Non ho giocatori che possono in farlo tra l'altro, dobbiamo portare la palla e giocarcela". Un commento su Angiulli: "E' un ragazzo splendido, ma in allenamento non mi ha dato le giuste risposte - conclude De Canio - ho voluto dare un segnale a lui e a tutti i giocatori. Mi ha chiesto un chiarimento, non c'è stato nessun problema. In allenamento ha avuto un atteggiamento sbagliato secondo me, ma ha capito l'errore ed è a posto ora. Nessuno mi dà problemi". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche