Pro Vercelli, il presidente Secondo: "Servono più fortuna e cattiveria"

Serie B

Il presidente dei piemontesi dopo lo 0-0 del derby: "Avremmo meritato di vincere, sono convinto che se continueremo così arriveremo almeno ai playoff". Grassadonia: "Solito film: siamo dispiaciuti ma possiamo rialzarci"

SERIE B, RISULTATI E CLASSIFICA

Un pareggio nel derby che mancava da diverso tempo, ma che oggi non dà un grande aiuto alla Pro Vercelli. 0-0 con il Novara e pochi punti recuperati alle rivali per la squadra di Gianluca Grassadonia, distante ancora 5 punti dai playout e 6 dalla salvezza diretta. Occasione persa, quella del Piola, di ritrovare morale e di risalire in classifica: la vittoria non si vede dalle parti di Vercelli ormai dal 3 febbraio. “Sotto tutti i punti di vista è stata una fotocopia di Avellino e Perugia - ha commentato all’indomani del derby il presidente del club piemontese, Massimo Secondo - Avremmo meritato di vincere con più di un gol di scarto, non ricordo un tiro in porta pericoloso del Novara. Nei primi cinque minuti siamo stati un po’ tesi, poi per il resto dei minuti abbiamo dominato. Poi i punti si fanno con i gol e non con i pali e le occasioni sbagliate, ma sono convinto che se continueremo con questa intensità potremo raggiungere quantomeno i playout. La Pro Vercelli deve arrivare alle prossime partite con un po’ più di fortuna e un po’ più di cattiveria sotto porta: con il Novara è mancato solo il gol”.

Grassadonia: "Solito film, abbiamo voglia di rialzarci"

Queste le parole invece dell’allenatore della Pro, Gianluca Grassadonia: “Il film è sempre quasi lo stesso - ha detto - C’è dispiacere, ma allo stesso tempo la grande voglia di rialzarsi, di ricominciare a crederci. Questa squadra nelle difficoltà riesce sempre a trovare delle prestazioni importanti, come arrivata nel derby. Andiamo avanti. Dobbiamo continuare a crederci e dobbiamo essere la solita Pro Vercelli: squadra che gioca a calcio, cerca di creare e che sa soffrire. Nel primo tempo abbiamo fatto 25 minuti di grande intensità, è spiaciuto anche per la palla capitata a Morra nel secondo tempo, che era d’oro ed andava capitalizzata”.

I più letti