Avellino, Foscarini: "Pagati cari gli errori, al Frosinone non si può concedere nulla"

Serie B

L’allenatore dell’Avellino ha commentato la sconfitta subita al Partenio contro il Frosinone, puntando l’attenzione sugli errori commessi dai propri giocatori

Una sconfitta che pesa, un ko difficile da digerire dopo quanto mostrato in campo. L’Avellino non riesce a strappare punti al Frosinone, incappando nella prima battuta d’arresto con Foscarini in panchina. Torna invece a sorridere in trasferta dopo un digiuno di tre mesi la squadra di Longo che, con questa vittoria, si porta in solitaria al secondo posto in classifica. Amareggiato per il risultato Foscarini, concentratosi principalmente sugli errori commessi dai suoi giocatori: "Non vanno concesse quelle occasioni al Frosinone, perché alla prima possibilità ti castiga. Ci siamo fatti trascinare dalla foga di voler segnare, mentre in difesa ho visto poca attenzione. Migliorini? Lo valuteremo in questi giorni, non so se ci sarà a Palermo e se recupererà D'Angelo Ci sono giocatori che stanno recuperando e altri che stiamo ritrovando, dobbiamo guardare al futuro con fiducia. Potrebbe non essere casuale che becchiamo gol nel finale, forse non abbiamo tenuta per 90' e non siamo lucidi in alcuni situazioni. Questa squadra deve salvarsi, si lascia trascinare dall'impeto in avanti ma non c'è quella malizia in difesa che una squadra che deve salvarsi deve avere, e non è poco".

La situazione di classifica

Se la capolista Empoli vince a Cesena restando saldamente in testa, chi sale in solitaria al secondo posto a quota 62 punti è il Frosinone che ritrova una vittoria esterna lontana quasi tre mesi. Va in archivio al Partenio il 2-0 dei ciociari di Longo, spaventati in avvio di ripresa da Migliorini e Castaldo eppure implacabili nel finale: decidono Dionisi e Paganini, due reduci della vecchia guardia che spezzano le recenti difficoltà tra risultati e lacune realizzative. Cade invece Foscarini al primo stop dal suo avvento sulla panchina dell’Avellino. Il successo del Frosinone relega in terza posizione Parma e Palermo, squadra quest’ultima al 3° pareggio di fila dopo lo 0-0 a Cittadella. Infortuni in avvio per Dawidowicz e Nestorovski, tegole per Tedino che rischia al 33’ sul palo di Chiaretti e ringrazia Pomini sull’assalto dei veneti. Si allunga a 5 turni il digiuno da tre punti dei siciliani che rischiano davvero nella corsa alla promozione diretta.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche