Frosinone, Daniel Ciofani: "Questo è lo sport"

Serie B
La squadra di Moreno Longo (foto, LaPresse) dovrà giocarsi la promozione ai playoff

"Dobbiamo ripartire, perché altrimenti non possiamo fare questo sport: bisogna avere quella mentalità. E’ certamente difficile, non posso negarlo, ma dobbiamo riuscire a portare 16.000 spettatori allo 'Stirpe' ancora una volta" ha detto l’attaccante giallazzurro

Una serata che si è conclusa nel modo più brutto e più inatteso, il Frosinone non riesce a salire direttamente in Serie A e dovrà così sperare di ottenere la promozione attraverso i playoff. La squadra di Moreno Longo, che ha pareggiato in casa contro il Foggia, è uscita dal campo dello Stirpe tra le lacrime; troppa la delusione per un obiettivo sfumato a pochi minuti dalla fine del match. Chi non era in campo ma si è comunque fatto sentire vicino ai compagni è l’infortunato Daniel Ciofani, che nel post partita ha anche parlato ai microfoni di Sky Sport provando a proiettarsi anche sulla prossima partita che il Frosinone dovrà affrontare: "Psicologicamente come si riesce a recuperare? Dobbiamo innanzitutto ringraziare il Presidente perché è una persona incredibile per le parole che ha speso negli spogliatoi. Dobbiamo ripartire, perché altrimenti non possiamo fare questo sport: bisogna avere quella mentalità. E’ certamente difficile, non posso negarlo, ma dobbiamo riuscire a portare 16.000 spettatori allo 'Stirpe' ancora una volta. Nei playoff ci servirebbe quel pizzico di fortuna in più. Anche questa sera tutti gli episodi ci sono andati contro. I rigori non dati? Io sotto questo punto di vista non amo né polemizzare né parlare di errori arbitrali, perché gli arbitri sono esseri umani e possono sbagliare valutazioni. Io posso solo giudicare. Il loro portiere ha fatto una grande partita e Floriano ha fatto un grande gol".

E ancora sugli episodi arbitrali: "Forse il fallo su Dionisi poteva esserci, ma non dobbiamo attaccarci a queste cose. Se per due anni succede la stessa cosa credo sia qualcosa di diabolico. Non posso pensare a niente di diverso, perché non è possibile. L'anno scorso eravamo a nove punti dalla quarta. Non so che dire, questa è la vita e lo sport è una metafora della vita. Dare spiegazioni a queste cose è difficile. Cosa ci ha detto il presidente nello spogliatoio? Preferisco tenerlo per noi, perché dev'essere la base su cui ripartire. Sono parole comunque di ringraziamento e incoraggiamento che solo una persona di spessore morale può riuscire a dire in un momento come questo", ha concluso l’attaccante.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.