Frosinone, Longo: "Promozione? L'unità è stato il fattore decisivo"

Serie B
Moreno Longo, allenatore del Frosinone (Getty)
longo_getty

L'allenatore commenta la promozione in A sul Corriere dello Sport: "Non è stato semplice, lo ammetto. Dev’essere l’allenatore a risvegliarsi dalla trance. Andare a cercare dentro di sé la forza, la lucidità, l’energia. Ci siamo riusciti"

La promozione in Serie A del Frosinone è stata un tutt'uno di emozioni contrastanti. Gioia, dolore, ansia, rabbia, nuovamente gioia, lacrime di dolore e infine sì, la felicità finale. Palermo battuto e finalmente Serie A per Moreno Longo, stavolta è tutto vero. Il gol di Floriano in Frosinone-Foggia ormai è soltanto un brutto ricordo, sbiadito dalla vittoria. L'allenatore della storia, Moreno Longo, ha raccontato la promozione sul Corriere.

"Abbiamo ritrovato la lucidità"

"Non è stato semplice, lo ammetto. Dev’essere l’allenatore a risvegliarsi dalla trance della sconfitta. Andare a cercare dentro di sé la forza, la lucidità, l’energia necessaria per superare i brutti momenti. Se non le ritrovi davvero, non riesci a trasmetterle ai giocatori. Si accorgono che menti, non ti danno più retta". Longo ha ricostruito l'ambiente: "Ho dovuto ripensare la squadra sotto l’aspetto tattico. Perché non c’era solo il montante al fegato della promozione toccata e scivolata via, cosa accaduta l'anno precedente tra l'altro. C’erano anche molte assenze: Daniel Ciofani, Ariaudo, Brighenti, Maiello. Gli ultimi due recuperati soltanto per l’ultima partita con il Palermo, e infatti hanno portato un grandissimo contributo alla promozione. C'era una soluzione per i due problemi, ovvero la compattezza". 

"Difficile descrivere ciò che abbiamo sofferto"

Continua Longo: "Difficile dire ciò che abbiamo passato, avevamo la responsabilità di un popolo sulle spalle. Sembra retorica, ma chi non l’ha provato non può capire. Dall’altra parte, l'intero ambiente si è unito. E anche questo può suonare melenso. Ma siamo riusciti a risalere dal pozzo proprio in questo modo. L’unità è stata il fattore decisivo". Sulla gara contro il Foggia: "Floriano aveva il compito di segnare, anche se in fin dei conti alla sua squadra non serviva. L'ha fatto e l'avrei fatto anche io. Se vogliamo uscire dalle logiche che hanno governato per tanti anni il calcio italiano dovremmo tutti comportarci così". Longo chiude con un pensiero suoi suoi giocatori: "Sono persone intelligenti - svela l'allenatore - con un bel carico di esperienze e conoscenze, tutti quanti. Quando parli con loro hai zero margine di errore. Ti ascoltano e ti valutano. Una volta persi non riesci più a recuperarli". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport