Catania, riecco Pulvirenti: "Chiedo scusa, sogno ancora la A"

Serie C - Lega Pro
pulvirenti_catania

Dopo due anni di silenzio Antonino Pulvirenti è tornato a parlare. Intervenuto in conferenza stampa da Torre del Grifo, il presidente del Catania – principale imputato per la vicenda ‘Treni del gol’ - si è scusato con i tifosi per la questione calcioscommesse e ha ribadito la volontà di rimanere alla guida del club rossazzurro.

Riecco Antonino Pulvirenti. Quest’oggi dal centro sportivo di Torre del Grifo il presidente del Catania è tornato a parlare, due anni dopo l’ultima volta in pubblico. Nel mezzo la vicenda calcioscommesse che ha colpito la società siciliana, sprofondata in Serie C dopo lo scandalo ‘Treni del gol’ dell’estate 2015. Additato dai tifosi come principale responsabile della caduta del club, Pulvirenti – affiancato dall’amministratore delegato Pietro Lo Monaco - è intervenuto in conferenza stampa per chiedere scusa e per annunciare l’avvenuto risanamento economico della società rossazzurra. "Oggi è giunto il momento di parlare: lo avevo promesso e ora il Catania è vivo – ha detto Pulvirenti -. Giovedì scorso Finaria ha portato a termine con successo il piano di ristrutturazione societaria: per questo adesso, grazie al lavoro fatto nei due anni precedenti, possiamo pensare al rilancio totale del club. Abbiamo saldato ogni rata con le banche e pagato tutto il concordato, quindi possiamo pensare con serenità alla ristrutturazione. In questi anni mi sono impegnato in silenzio e con i fatti per fare in modo che il Catania potesse continuare a vivere. Per fortuna adesso, anche grazie al lavoro fatto da Lo Monaco e alle risorse investite, possiamo guardare al futuro con ottimismo". 

'Cosentino, che errore! Scusate tifosi' 

A causare il crollo del Catania, prima dello scandalo calcioscommesse, secondo Pulvirenti è stata la decisione di affidare la società all’argentino Pablo Cosentino. "In realtà, l’anno in cui poi andò via, io avrei voluto continuare con Gasparin ed affidare soltanto il mercato a Cosentino – ha spiegato il presidente del Catania –. Purtroppo, però, Gasparin non accettò la coesistenza delle due figure. Questo è stato il più grande errore che ho fatto, ancora oggi non riesco a rendermi conto di come abbia potuto fare. Non riesco a darmi una spiegazione. E soprattutto non sono in grado di darvi una giustificazione. In quel periodo non riuscivo davvero a rendermi conto di ciò che stava succedendo, per colpa di questa mia scelta scellerata è andato tutto perso. Ed è per questo motivo che vorrei chiedere ufficialmente scusa alla tifoseria. Le ho addossato le colpe delle mie azioni, moralmente questa è la cosa che mi fa più male. Chiedo scusa e continua a farlo con i fatti. Un ritorno allo stadio? Provo disagio, proprio perché sono consapevole di aver fatto del male alla gente. Per questo non mi sento ancora pronto a guardarla negli occhi. Prima di ritornare, vorrò essere sicuro di risentirmi a posto con la mia coscienza". 

 

'Sogno la Serie A'

E in chiusura Pulvirenti non ha nascosto le sue speranze: "Nonostante tutto quello che è successo – ha concluso il presidente rossazzurro – sogno ancora di tornare ad essere il presidente del Catania in Serie A. Quell'errore che ho commesso purtroppo rimarrà per sempre, ma accosto il riscatto alla risalita, è questo il mio sogno. Dapprima arrivando in B, poi sperando di tornare in Serie A". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.