Combine Catanzaro-Avellino, deferiti club e dirigenti

Serie C - Lega Pro
taccone_pp_getty

La Procura Federale ha comunicato i deferimenti per la combine tra il match della penultima giornata di Lega Pro della stagione 2012-2013 tra Catanzaro e Avellino. Tra loro spicca l'attuale presidente dell'Avellino Walter Taccone

Completate le indagini dell'inchiesta "Money Gate" sulla combine legata al match Catanzaro-Avellino, disputato il 5 maggio 2013 e valevole per la penultima giornata del Campionato di Lega Pro, Girone B. In particolare, stando agli accordi era previsto un pareggio che avrebbe garantito la promozione all'Avellino e un finale di stagione "tranquillo" senza playout al Catanzaro. Ma la vittoria del Perugia fu determinante per far saltare i piani dei due club.

Attraverso un comunicato la FIGC ha annunciato tutti i deferimenti, tra cui spicca l'attuale presidente dell'Avellino Walter Taccone. Ecco le decisioni prese sui due fronti, con i nomi e i rispettivi ruoli all'epoca dei fatti delle persone coinvolte.

Avellino: deferiti Walter Taccone (Presidente) e Vincenzo De Vito (Direttore Sportivo)
Catanzaro: Giuseppe Cosentino (Presidente), Armando Ortoli (Direttore Sportivo) e Andrea Russotto (centrocampista)

Tutti loro sono stati deferiti "per avere, in concorso tra loro e con altri soggetti allo stato non identificati, posto in essere atti diretti ad alterare il regolare svolgimento e il conseguente risultato finale della gara Catanzaro-Avellino".

A questi dirigenti bisogna aggiungere ovviamente i due club ma anche Francesca Muscatelli, moglie di Cosentino, e Marco Pecora, Amministratore Delegato del Catanzaro, "per aver violato il dovere di informare la Procura Federale di essere venuti a conoscenza della combine".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche