Reggina, Giuffrida: "Vietato sottovalutare l’Akragas, proverà a metterci in difficoltà"

Serie C

Il centrocampista della Reggina non intende sottovalutare l’Akragas, formazione già retrocessa che al Granillo proverà a mettere in difficoltà gli amaranto

Tre punti per avvicinarsi al traguardo e, perché no, tagliarlo con qualche giornata d’anticipo confidando nei risultati delle avversarie. Il match contro l’Akragas è fondamentale per la Reggina, una vittoria significherebbe centrare un obiettivo che, fino a qualche settimana fa, sembrava allontanarsi inesorabilmente. La vittoria di Bisceglie ha aiutato eccome gli amaranto, che adesso si preparano ad ospitare l’ultima in classifica con l’obiettivo dei tre punti. "Domenica abbiamo solo la vittoria come obiettivo, vogliamo ottenere il massimo da questa partita e poi, a fine partita, guarderemo anche i risultati delle altre" le parole di Giuffrida alla web tv della società. "L’Akragas non ci regalerà nulla, come è giusto che sia, non vorranno fare una brutta figura pur essendo già retrocessi. La poca presenza di tifosi allo stadio? Mi dispiace tantissimo perché questa è stata una curva molto importante, vederla vuota non è bello. Mi auguro che tutta si risolva, perché la Reggina ha bisogno del sostegno dei propri tifosi. Maurizi? E’ un allenatore che lavora bene, che sta sul pezzo e che sta da mattina a sera al campo. Posso parlare solo bene".

Una vittoria che vale la salvezza

La vittoria di Bisceglie ha restituito il sorriso alla Reggina, permettendogli di uscire da un periodo abbastanza negativo dal punto di vista dei risultati. Tre punti fondamentali per avvicinarsi all’obiettivo stagionale della salvezza, che potrebbe già arrivare nel prossimo turno nel caso in cui gli amaranto dovessero battere l’Akragas. Non basterebbe però solo il successo sui propri diretti avversari per festeggiare la permanenza in serie C, il club di Praticò infatti dovrà attendere il risultato della sfida tra Paganese e Sicula Leonzio. Nel caso in cui i padroni di casa non dovessero ottenere i tre punti contro gli uomini di Diana, allora la Reggina sarebbe salva. Se dovessero vincere invece sia gli amaranto che la Paganese, allora basterebbe che quest’ultimi non vincano a Lecce nella penultima giornata per consegnare la salvezza alla Reggina. Insomma, battere l'Akragas nel prossimo turno significherebbe avere tre-quarti di salvezza in tasca. Intanto la Reggina ha ripreso oggi gli allenamenti in vista del match contro la formazione siciliana, nel quale tornerà a disposizione Mezavilla dopo la squalifica. Da valutare invece le condizioni di Armeno, uscito dolorante dalla partita di Bisceglie.

I più letti