Reggina, si torna in campo per un'amichevole con la ReggioMediterranea

Serie C

La formazione amaranto giocherà nella giornata di giovedì un’amichevole contro la ReggioMediterranea, formazione che milita nel campionato di Eccellenza calabrese

Prosegue il lavoro settimanale della Reggina verso il prossimo appuntamento contro la Sicula Leonzio, che precede gli amaranto di sei punti in classifica. Un match che assume un’importanza relativa per gli uomini di Maurizi, che hanno già raggiunto il traguardo stagionale, ovvero quella salvezza conquistata dopo la vittoria contro l’Akragas. Un 2-0 che ha messo al riparo la Reggina da qualsiasi minaccia, una vittoria voluta e meritata che ha permesso al club amaranto di raggiungere un obiettivo che, in alcuni momenti della stagione, sembrava potesse sfuggire. Il campionato però non è ancora terminato, lo scopo adesso è quello di chiudere in bellezza, migliorando se possibile la classifica in queste due gare che mancano al termine. In vista della gara con la Sicula Leonzio, Maurizi ha previsto per la giornata di giovedì un’amichevole contro la ReggioMediterranea, formazione di Eccellenza che ha raggiunto anch’essa il traguardo della salvezza. Sarà un’occasione per ‘festeggiare’ i propri traguardi e prepararsi al meglio verso i prossimi rispettivi impegni.

Parla Giuffrida

Sul momento della squadra e sulla salvezza ottenuta ha parlato Giuffrida, uno dei protagonisti della stagione amaranto: "Siamo tutti felicissimi per la salvezza, quella contro l’Akragas non era una partita semplice ma l’abbiamo preparata bene conquistando i tre punti. Sono contento di quanto ho fatto vedere con la maglia amaranto, anche se posso ancora migliorare. Quando sono arrivato qualcuno ha cercato di mettermi in cattiva luce, ma io ho dimostrato di voler dare il massimo in campo. Siamo un gruppo forte, solido e abbiamo lottato al massimo per raggiungere l'obiettivo. Il mio futuro? Non nego di voler rimanere alla Reggina, la considero una grande opportunità per la mia carriera e desidero continuare qui. Alla fine del campionato mi incontrerò con la società e vedremo il da farsi. La storia di questa città dice che devi scendere in campo e lottare sino alla fine. Secondo me devi essere prima uomo e poi calciatore e lo abbiamo pienamente dimostrato in questi mesi. La nostra rosa può davvero puntare a qualcosa di più della semplice salvezza, chiaramente questa squadra è stata costruita a gennaio e serviva tempo per plasmarla. Vediamo nelle ultime due gare che risultati raggiungeremo".

I più letti