Calciomercato, Udinese: Peñaranda-Malaga, è fatta

CalcioMercato

Il venezuelano verso il ritorno Liga dopo l'esperienza al Granada dell'anno scorso, oggi la chiusura dell'operazione. Medina pronto a sostituirlo 

Peñaranda, adios Italia. Prima l'arrivo in Serie A e i buoni propositi, ora l'addio dopo 4 mesi. Soltanto cinque presenze per l'attaccante venezuelano del '97, nessun gol. E nonostante il cambio in panchina - via Iachini, dentro Delneri - la sua situazione è rimasta uguale. "E' bravo, ma...". Sempre col dubbio, parola di Delneri: "E' arrivato qui con l'atteggiamento sbagliato, glielo faremo cambiare. Con lui ho parlato a lungo". Non è bastato, però. Trasferimento obbligatorio per ritrovare continuità. Le destinazione? Liga, di nuovo in Spagna. Oggi, infatti, l'ex Granada sarà un nuovo giocatore del Malaga, in prestito fino a giugno dal Watford (via Udinese, squadra in cui era in prestito proprio dagli inglesi). Ma non è tutto: stamattina l'attaccante ha svolto una prima parte delle visite mediche, oggi pomeriggio la seconda. Poi la firma sul contratto e la nuova avventura. Penaranda ricomincia dal Malaga. 

Meglio di... Messi - Lo chiamavano talento, predestinato. Merito di un record conquistato a (soli!) 18 anni e 195 giorni: il 12 dicembre 2015, contro il Levante, è diventato il calciatore più giovane ad aver mai segnato una doppietta nella Liga spagnola, record precedentemente detenuto da Lionel Messi. Non uno qualunque insomma. Poi altri 3 gol e salvezza guadagnata, Granada soddisfatto. Il trasferimento all'Udinese doveva garantirgli il grande salto, ma così non è stato. Ora tornerà in Spagna, l'obiettivo è ritrovare la continuità perduta. 

Occhi in Paraguay - Via Penaranda, dentro Medina? L'Udinese già si guarda intorno, sempre a caccia di giovani talenti da lanciare. Fari puntati su Jesus Medina, volante del Club Libertad. Paraguaiano, classe '97, un buon prospetto. In poche parole: il candidato per sostituire il venezuelano. Su di lui anche il Palmeiras, ma l'offerta è stata rifiutata. L'Udinese resta vigile. 

 

I più letti