Fratello Donnarumma: "Chi insulta Gigio non è tifoso del Milan"

CalcioMercato

Antonio Donnarumma difende Gigio con una lettera aperta pubblicata su Instagram, in cui condanna i duri attacchi nei confronti del fratello e della propria famiglia: "Ha sempre onorato e dato l'anima per questi colori. Ha pianto per ogni sconfitta, chi lo insulta non è un vero tifoso"

Una lettera aperta in difesa del fratello, bersaglio di insulti da chi l'aveva amato fino al giorno prima. L'intervento su Instagram di Antonio Donnarumma è uno sfogo che arriva dopo 24 ore di caos, commenti forti troppo spesso sfociati in cattiverie. Antonio Donnarumma, anch'egli portiere (1 presenza in Serie A con il Genoa, nell'ultima stagione ha giocato all'Asteras Tripolis) ha deciso di usare i social network per rispondere alla furia... dei social network stessi. Sì, perché è proprio da Twitter, Facebook e Instagram che arrivano le sentenze più spietate di coloro che si definiscono tifosi, ma che il fratello di Gigio non ritiene tali: "Chi lo insulta non è tifoso del Milan", è la chiusura della sua pubblicazione, che vi proponiamo nella sua versione integrale.

Mi rivolgo a tutte le persone che non stanno facendo altro che insultare Gigio e tutta la nostra famiglia. Gigio sin da piccolo è tifoso del Milan. Per lui giocare con la maglia del Milan è un sogno... ha sempre onorato e dato l'anima per questi colori. Ha pianto per ogni sconfitta. Fino a ieri eravate tutti con Gigio. Ora senza sapere nulla state insultando tutta la famiglia, scrivendo frasi che la nostra famiglia non augura nemmeno al peggior nemico. La nostra famiglia ha gioito e pianto con tutti voi tifosi. Il
Milan ha una storia incredibile e nessuno può metterlo in dubbio. Per le persone che hanno scritto messaggi a favore di Gigio ci tengo a dire che voi avete capito davvero che persona è... qualunque gesto che ha fatto e qualunque frase ha detto o scritto... L'ha fatto davvero per amore del Milan. Gigio è soprattutto un tifoso del Milan, come voi... e chi lo insulta non è tifoso del Milan.

I più letti