Calciomercato, Rodriguez: "Volevo il Milan, ora sono felice"

Calciomercato
Ricardo Rodriguez, nuovo esterno del Milan (getty)
rodriguez_Milan_getty

Il nuovo esterno rossonero si racconta: "Imparare mi piace. Credo che giocherò a sinistra, mi hanno cercato per questo e il mio calcio è lì. La Serie A era il mio sogno: qui c’è amore per il calcio, e io amo il calcio. Tutti i miei tatuaggi, anche quelli sul braccio e sul collo, sono dedicati alla mia famiglia"

Ricardo Rodriguez: al via la nuova avventura rossonera. Lo svizzero è da qualche settimana un nuovo giocatore del Milan, arrivato con la promessa di dare qualità e spessore alla fascia sinistra di Montella. Al Wolfsburg ha dimostrato di essere negli anni uno degli esterni migliori d’Europa e ora vuole fare il definitivo salto di qualità in Serie A: "Questo tatuaggio (una preghiera allo Spirito Santo, ndr)? È In italiano…" ha raccontato Rodriguez in un’intervista a La Gazzetta dello Sport: “Quando da piccolo stavo male, in ospedale mi hanno portato un’immagine, una foto con la Madonna e questa scritta. È rimasta sempre con me e a 18 anni me la sono fatta tatuare. Ora sto bene, devo fare dei massaggi regolarmente ma nessun problema. Sono in forma". Parlando del campo, la prima impressione sui rossoneri è ”Ottima. È una squadra molto buona, io so che posso migliorare nella tattica e in mille altre cose. Imparare mi piace. Credo che starò a sinistra, mi hanno cercato per questo e il mio calcio è lì. Il Milan però sa che per sei mesi ho fatto il centrale, se serve sono pronto. Montella ci schiera sempre a quattro".

"I tifosi mi dicono: andiamo a vincere"

Lo svizzero ha parlato anche un po’ di sé stesso: “La mia miglior qualità è la tranquillità nella gestione della palla. L'avversario più forte affrontato? Forse Robben. Con lui è sempre una partita nuova, è molto rapido, tu sai che farà quella finta ma devi concentrarti sempre, altrimenti ti va via. Però anche Messi, Di Maria, Coman, Douglas Costa...". Sulla scelta di venire in serie A: "Volevo l’Italia, ora sono felice. Era il mio sogno. Qui c’è amore per il calcio e io amo il calcio. Il Milan? Due o ­tre club mi hanno cercato ma quando è arrivato il Milan non ho avuto dubbi. Sento che i tifosi qui amano il club, l’ho capito subito, appena sono arrivato. Mi dicono ‘vai Ricky che vinciamo quest’anno’, oppure mi scrivono su Instagram, su Facebook: ‘Andiamo a vincere tutto’”. In chiusura un’altra curiosità sulla sua vita: “A papà piaceva molto il calcio, lui e mia mamma aiutavano sempre me e i miei due fratelli, che oggi giocano in Svizzera. Il problema è che ci allenavamo tutti in posti diversi. Uno veniva accompagnato da lui, uno da lei e alla fine della giornata ci trovavamo tutti insieme. Anche i miei nonni davano una mano perché la famiglia ci ha aiutato molto. Tutti i miei tatuaggi, anche quelli sul braccio e sul collo, sono dedicati a loro".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport