Napoli, Milik: "Io cambiato, mi sento un leone. E vogliamo vincere"

Calciomercato
Arek Milik, centravanti del Napoli (Getty)
milik_getty

Il centravanti si racconta sul Corriere dello Sport: "Io, polacco con anima latina. Dopo l'infortunio sono cambiato e adesso voglio vincere, sia in Italia che in Europa. Mertens? Siamo tutti uguali, poi decide Sarri"

Milik is back. Più carico, più... nuovo: "Dopo l'infortunio sono cambiato, mi sento un leone". E adesso, direttamente dal ritiro di Dimaro, il centravanti si racconta sul Corriere dello Sport. Ambizioni, obiettivi, quel "duello" con Mertens per il ruolo di attaccante: "Decide Sarri, Dries è un grande. Siamo tutti uguali". Diplomatico e coinciso Arek Milik, professione centravanti. Polacco sì, "ma con anima latina". In un'intervista sul Corriere, si racconta così. 

"Vogliamo vincere in Italia e in Europa"

Obiettivo chiaro: "Credo nello scudetto, assolutamente sì. Voglio vincere. Voglio vincere tutto. Sono 23 anni che aspetto. Da quando sono nato. Prima o poi, comunque, voglio tutto: è il mio obiettivo. Da bambino pensavo soltanto al pallone - racconta Milik sempre sul Corriere dello Sport - Tutta la giornata in campo: amavo il calcio, meno la scuola. Il mio infortunio ha cambiato la vita di Mertens, lo so. E sono molto felice per lui. Ora, però, vediamo cosa accadrà: la strada è lunga e la stagione pure. Non volevo cancellare Higuain e non ho alcun pensiero nei confronti di Dries. Questa è un squadra vera, lavoriamo e giochiamo insieme per vincere".

"Mi sento un leone"

"E' stata dura, molto. Però è passata: sono diventato un uomo più forte e più intensi sono i rapporti con la mia famiglia, la mia compagna e gli amici. Esperienza. Non vedo l'ora che cominci la stagione: ho già perso troppo tempo, voglio recuperare. Su tutti i fronti. Non lo so chi sarà il titolare tra me e Mertens, è Sarri a dover rispondere. E poi non è ancora il tempo delle scelte. Dries mi piace molto. E' un ragazzo eccezionale e un grande giocatore: con lui e con tutti gli altri si fa calcio vero, cosa a cui sono abituato sin dai tempi dell'Ajax. E per un giocatore è il massimo. Il Napoli interpreta tra i migliori calci d'Europa.Dire che sia il top non è giusto, perché bisogna sempre avere lo stimolo di migliorare. Al nostro attacco do un nove. Se dicessi dieci sarebbe come sedersi: ripeto, si deve sempre migliorare. Si può e si deve".

Sui compagni, da Reina a Zielinski

Su Reina: "Fondamentale: un grandissimo portiere e il nostro leader". E ancora: "Ora mi sento come nuovo: ora sono al 100%, ho recuperato alla grande dall'infortunio e sto lavorando come mai. Ho un mese per migliorare ancora e arrivare al top al preliminare Champions: è importantissimo per noi. Le notti di coppa al San Paolo mi piacciono da morire. L'urlo dello stadio è pazzesco: giocare in Europa con Real, Barça, Manchester, Psg è speciale. Il Napoli deve esserci". Infine Zielinski:"Un fenomeno nato per il grande calcio: lo conosco da ragazzino e ha sempre avuto un qualcosa di inspiegabile". Solo belle parole per Napoli città: "Bellissima: le isole, Pompei, il centro. E la gente è meravigliosa. Amo il sole e il mare: sono un polacco con l'anima latina. E in 23 anni non ho mai mangiato così bene. Non ho preso in considerazione altre offerte arrivate, sono felice a Napoli e voglio vincere con il Napoli. Stop".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport