Calciomercato Cagliari, arriva Oliva: "Mi mandano O'Neill e Francescoli"

Calciomercato

L'uruguaiano è sbarcato in Sardegna ed è pronto per iniziare la sua nuova avventura a Cagliari: "Mi mandano O'Neill e Francescoli". Per Maran un nuovo centrocampista abile nel recuperare palla ma anche molto bravo tecnicamente. Investimento da 5 milioni di euro per i rossoblù

SASSUOLO-CAGLIARI LIVE

IL TABELLONE DEL CALCIOMERCATO

Nuovo acquisto del Cagliari, scommessa della società rossoblù per la seconda parte di stagione e per il futuro. Christian Oliva è arrivato in Sardegna, con tanta convinzione e il suo bagaglio di sogni. Uno in particolare: conquistare l'Europa. "Lasciare il Nacional è una tristezza, ma non potevo lasciarmi sfuggire un'occasione così": parole di chi sa di lasciare in Uruguay un pezzo di cuore, ma che è pronto a giocarsi tutto pur di sfondare. Scommessa da 5 milioni più bonus per il Cagliari: questo l'investimento che il presidente Giulini ha deciso di fare per questo centrocampista classe 1996. Sarà il 20° uruguaiano della storia del Cagliari, discendente di una tradizione fatta di alti e bassi. Qualcuno, come Fonseca o Herrera, ha infiammato il popolo rossoblù, per qualcun altro invece è andata decisamente peggio. Oliva ne cita due: "Mi mandano O'Neill e Francescoli. Ci sono molti calciatori uruguaiani che hanno giocato nel Cagliari". Come loro spera di spiccare il volo a Cagliari, con voglia, coraggio e... 'garra charrua'.

Chi è Oliva?

Una frase descrive alla perfezione il nuovo rinforzo del Cagliari: "È un numero 5 con i piedi da attaccante". Sì, perché Oliva ha fisico e corsa da mediano, con quel carattere tipico del classico incontrista. Ma ha qualità, tanta. Sa recuperar palla ma la sa anche giocare e, a tutto questo, abbina una grande intelligenza tattica. Chi ricorda? Barella, tanto per restare in casa Cagliari. E probabilmente la società rossoblù starà già programmando un futuro senza il proprio gioiellino, corteggiato in Italia e in Europa. Qualcun altro, invece, ha paragonato Oliva ad Allan e Kantè: accostamenti pesanti, con due tra gli interpreti migliori del ruolo di mediano. Per il resto Oliva è una scommessa a 360 gradi. Fino a ora, nella sua breve carriera da calciatore, ha vestito una sola maglia, quella del Nacional. Crescendo in questa società uruguaiana e poi esordendo in prima squadra, diventandone presto uno dei migliori calciatori (43 presenze e 3 gol in totale). E pensare che il suo trasferimento in Italia è stato anche un po' casuale, considerato che la priorità del Cagliari era inizialmente Nandez del Boca. Trattativa però sfumata, l'uruguaiano che alla fine è arrivato in Sardegna è stato Oliva. Un po' un segno del destino, quel che spesso ci vuole per dare una svolta alla vita.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.