Calciomercato, Junior Messias al Crotone: chi è il brasiliano che lavorava come fattorino

Calciomercato

La società calabrese ha acquistato l'attaccante classe '91, partito a 20 anni dal Brasile con l'obiettivo di giocare ad alti livelli. Ostacoli burocrati glielo hanno impedito inizialmente e ha dovuto lavorare come fattorino porta a porta per mantenersi. A 27 anni ha finalmente realizzato il suo sogno


CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

IL TABELLONE DEL CALCIOMERCATO

"Il mio messaggio per tutti i ragazzi è quello di crederci sempre. Bisogna lottare fino all'ultimo per i propri obiettivi, essere convinti dei propri mezzi. I sogni prima o poi si avverano". Un anno e mezzo si esprimeva così Junior Messias, su Eurosport, attaccante brasiliano classe 1991. Non sapeva, però, che il suo lungo calvario non era ancora finito. Nell'estate del 2017, infatti, era pronto a firmare per la Pro Vercelli ma, un problema burocratico legato al tesseramento dei giocatori extracomunitari in B, impedì alla trattativa di andare in porto. E così Messias, da quel giorno, si è rimesso di nuovo a lavoro. Quello strettamente sportivo, proseguito tra le file del Gozzano, e quello di strada, il porta a porta che gli ha permesso di mantenersi in questi lunghi anni. Oggi, dopo tanti sacrifici, può finalmente dire però di aver centrato il suo obiettivo: ha firmato per il Crotone e giocherà nella serie cadetta. Un premio strameritato per chi, nel lontano 2011, è approdato in Italia con una valigia piena di sogni. Desideri che, a dispetto di una tecnica di alto livello, ha dovuto inseguire a lungo prima di vederli realizzati. È partito dal Brasile - dove è cresciuto nel villaggio di São Cândido e giocato per l'Ideal, fino ad arrivare alla terza serie del Mineirão - per raggiungere il fratello a Torino e giocare nel calcio che conta. La realtà che si è trovato di fronte si è rivelata, invece, ben diversa e, sempre a causa dell'assenza del passaporto comunitario, è finito nella "Barriera di Milano", un quartiere della città piemontese. Il campo non bastava, c'era bisogno di lavorare per mantenere lui e la famiglia, composta da moglie e due bambini. E allora il talento verdeoro è stato costretto a lavorare come fattorino di elettrodomestici porta a porta.

Il lungo percorso

Nel frattempo non ha smesso di inseguire il suo obiettivo con il pallone, ma si è dovuto accontentare delle serie minori e si è aggregato allo Sport Warique, la formazione della comunità peruviana, nel campionato amatoriale Uisp. Anni di fatica, fino a quando nel 2015 Ezio Rossi non si è accorto di lui. L'ex calciatore granata, in quel periodo allenatore volontario in una squadra di rifugiati che partecipava all'Uisp, non ha potuto metterlo da subito sotto la sua ala protettiva e gli ha consigliato di rivolgersi al Fossano per un primo salto di qualità. Niente da fare, perché "lo stipendio offertomi non era sufficiente a mantenermi". La svolta è arrivata, così, con l'insediamento di Rossi sulla panchina del Casale. Trasferimento in Eccellenza andato a buon fine, 21 gol in campionato e promozione centrata in Serie D, prima del passaggio al Chieri. Ed è proprio nella formazione piemontese che Junior Messias ha attirato l'attenzione dei club di B e C. Il cerchio sembrava pronto a concludersi, ma il cavillo burocratico ha interrotto la scalata sul più bello. Per qualcuno poteva segnare l'inizio di un lungo e progressivo oblio, ma non per chi ha superato con la stessa fame e grinta di sempre gli ostacoli che la vita gli ha messo di fronte. Il Gozzano gli ha restituito fiducia e lui, con 4 centri in pochi mesi, ha contribuito a centrare una storica promozione in C dove, anche in questa prima parte di stagione, ha continuato a fare gol. "È un miracolo" raccontava nel luglio 2017. Era un mezzo miracolo che il Crotone ha provveduto a completare. "Ci piace perché è un calciatore che gioca esterno alto, trequartista, è un mancino rapido che sa fare gol - ha dichiarato a Sky Sport il ds del Crotone, Ursino -. E adesso chi vuole giocare sulla trequarti o come centrocampista deve saper fare gol. Quanti ne farà da qui a fine stagione? Io dico 5-6 ... è nel suo Dna". Una promessa che Junior Messias è pronto a rispettare.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.