Leonardo: "Cristiano Ronaldo al Psg? Nel mercato possono succedere cose straordinarie"

Calciomercato

Il ds del Psg fa sognare i tifosi del Psg durante una chat: "Non possiamo mai sapere quello che succede, magari Cristiano si sveglia un giorno e dice che vuole giocare in un altro club. Noi possiamo permettercelo"

CORONAVIRUS, DATI E NEWS IN TEMPO REALE

Cristiano Ronaldo al Paris Saint Germain? Un'ipotesi non impossibile secondo Leonardo. Intervenuto in una Q & A coi tifosi organizzata dal club parigino, il direttore sportivo del PSG ha risposto alla domanda sull'accostamento del campione della Juventus alla società francese. "Cristiano Ronaldo da noi? Non possiamo mai sapere cosa succede nel calciomercato. Chissà, magari un giorno si sveglia e dice: 'Voglio andare a giocare in un altro club'. E quanti sono i club che se lo possono permettere? Quattro, cinque, sei o sette. È una cerchia ristretta e il PSG ne fa parte. La situazione attuale è molto complicata per tutti, ma il mercato è una questione di opportunità. A volte possono succedere cose straordinarie...". Ronaldo è legato alla Juventus da un contratto fino al giugno 2022.

Tuchel confermato in panchina: niente Thiago Motta

PSG

Kean non si ferma più: va in gol, poi l'infortunio

Non soltanto il sogno Cristiano Ronaldo, Leonardo ha anche allontanato le voci su un presunto allontanamento di Thomas Tuchel dalla panchina del PSG e ha chiuso le porte, almeno momentaneamente, all’arrivo di Thiago Motta: "Con Tuchel ci sono state delle divergenze anche a livello mediatico, ma sono cose che succedono e abbiamo risolto. Non abbiamo mai pensato di cambiare allenatore - ha chiarito il ds -, non ho mai chiamato nessuno. In questo momento dobbiamo soltanto concentrarci sui prossimi impegni senza sprecare energie in campionato e in Champions, dove il discorso qualificazione è ancora aperto nonostante le due sconfitte nelle prime tre gare. La nostra è una panchina ambita ed è normale che sia così. Thiago Motta? È normale che ambisca al PSG, un club nel quale ha giocato e dove ha cominciato ad allenare le giovanili. Ma al momento non c'è nulla in ballo. Siamo concentrati solo sui nostri impegni ed è presto per fare bilanci".

I rinnovi di Neymar e Mbappé, Icardi e il futuro di Kean

Leonardo infine ha commentato anche il rendimento di alcuni pezzi pregiati del club, a partire da Neymar e Mbappé, i cui contratti sono in scadenza nel 2022: "Abbiamo avviato dei dialoghi ormai da tempo - ha ammesso -, ma adesso le cose iniziano ad essere più chiare e le discussioni si fanno sempre più intense. Il nostro obiettivo è costruire il futuro con loro: contrariamente ad altre società che sono a fine ciclo o in crisi, credo che il PSG sia uno di quei club destinati a imporsi nei prossimi cinque anni". Poi un pensiero su Icardi, al momento out per infortunio: "Quando lo abbiamo preso, l'opzione di acquisto era da 70 milioni e siamo riusciti ad abbassarla. Adesso è infortunato e non è in forma, ma magari tra cinque anni si parlerà di un giocatore importante per il PSG, così come è già stato nella passata stagione". Chiusura su Kean, sempre più protagonista a Parigi: "Il suo impatto è stato molto positivo e sono davvero contento. Ma non abbiamo un'opzione di acquisto", ha concluso Leonardo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche