Inter, Marotta: "Eriksen? Capitano giocatori non funzionali. A gennaio chiederà cessione"

Calciomercato

L'ad dell'Inter a Sky Sport prima della sfida al Sassuolo: "Se Eriksen a gennaio avrà giocato poco, sarà il primo a chiedere il trasferimento. Dobbiamo farlo senza assoluta polemica, considerandola un'operazione di mercato positiva che non è stata funzionale. Risultati? Tocca all'allenatore trovare i giusti accorgimenti, Conte deve dare delle risposte a se stesso e le sta già dando"

SASSUOLO-INTER LIVE

"Se Eriksen a gennaio avrà giocato poco, sarà il primo a chiedere il trasferimento. Dobbiamo farlo senza assoluta polemica da una parte e dall'altra, semplicemente considerandola un'operazione di mercato positiva che non è stata funzionale fino in fondo per quella che è un'esigenza tecnico-tattica". Parola di Beppe Marotta nel prepartita di Sassuolo-Inter. L'ad nerazzurro ha parlato ai microfoni di Sky Sport della posizione del centrocampista danese, arrivato in Italia a inizio 2020. "Eriksen utile all'Inter per fare mercato a gennaio? Funzionale è il termine più corretto. Capita, e la storia del calcio è piena di questi casi, che ci siano giocatori che non risultano poi funzionali a una linea guida nel sistema di gioco. Questo spetta all'allenatore valutarlo. Noi a gennaio scorso abbiamo colto un'opportunità di mercato, l'abbiamo acquistato a 20 milioni e per tutti è un ottimo giocatore. Poi esistono delle difficoltà ma l'allenatore ha il diritto e il dovere di scegliere gli undici che gli danno maggiori garanzie. Idee per la sostituzione? Si studiano sempre delle opportunità, non è facile trovare soluzioni che facciano al caso nostro".

"Conte deve dare risposte a se stesso, lo sta facendo"

leggi anche

Zhang: "Conte ha qualità per portare Inter al top"

Marotta si è soffermato sul momento dell'Inter, reduce dallo 0-2 di Champions League contro il Real Madrid: " Oggi il grande problema è lo stress psico-fisico della squadra. I troppi gol presi? L'anno scorso eravamo la seconda miglior difesa del campionato, quello che va rimarcato è la facilità con cui gli avversari fanno gol, ma spesso su errori singoli abbastanza evidenti. Tocca all'allenatore trovare i giusti accorgimenti, Conte deve dare delle risposte a se stesso e le sta già dando". Pochi dubbi sulla dimensione della squadra: "Se, come accaduto contro il Real Madrid, ti ritrovi in 10 uomini dopo mezz'ora e sotto di un gol, questo segna il resto della partita - spiega Marotta - di certo non dobbiamo accampare scuse. Possiamo fare meglio e cercheremo di farlo, dico solo che siamo all'inizio della stagione, c'è molto tempo a disposizione e ci sono molti punti. Dobbiamo restare ottimisti".

"Stagione anomala, presto per dare giudizi"

Per l'ad dell'Inter è presto per emettere giudizi: "I risultati aiutano a superare i momenti di difficoltà - puntualizza -  non voglio accampare alibi, sarebbe pretestuoso, ma devo dire che questa stagione è molto difficile e anomala per stress e impegni ravvicinati per le squadre sottoposte a più competizioni: una cosa è il cammino in Champions, un'altra il percorso in campionato, dove ci sono tante squadre vicine in classifica. Siamo a 30 giornate dalla fine, è presto per fare consuntivi, ma sicuramente le prestazioni devono essere più convincenti. Su questo Conte sta facendo un ottimo lavoro".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.