Inter, Marotta: "La società non è in allarme, garantiremo stabilità. Eriksen? Lavoriamo"

Calciomercato

L’amministratore delegato dell’Inter ha fatto il punto tra mercato e società a Sky Sport: "Le indicazioni della proprietà sono per non fare investimenti. Tranquillizzo tutti: non siamo in allarme, il club avrà stabilità"

UDINESE-INTER LIVE

Il calciomercato dell’Inter non dovrebbe riservare grandi novità in entrata, mentre in uscita c’è da risolvere la questione relativa a Christian Eriksen. Beppe Marotta ha fornito gli ultimi aggiornamenti sul futuro del danese. "Ausilio sta lavorando in questo senso, quando si muoverà qualcosa lo sapremo" ha spiegato l’amministratore delegato dei nerazzurri a Sky Sport. Più in generale, confermata la linea di inizio mercato: non ci saranno grandi colpi. "Abbiamo recepito delle indicazioni dalla proprietà, cioè che non possiamo fare investimenti, quindi non si può fare qualcosa di importante. Questo è un gruppo da rispettare per il lavoro che è stato fatto finora, quindi c'è la probabilità che si vada avanti così" ha spiegato.

La situazione societaria

vedi anche

Il 1° Inter-Juve è bianconero: 0-3 nella ripresa

Nell’ultimo periodo, si sono susseguite le voci sulle possibili novità nella proprietà dell’Inter. "Questa è una squadra tra le più importanti al mondo. È stato un periodo di transizione e vogliamo tornare in alto. Voglio tranquillizzare tutti: l'Inter avrà stabilità, tutti i miei colleghi si stanno adoperando per dare serenità a giocatori e dipendenti, non siamo in allarme. La proprietà sta valutando delle opportunità ma non posso dare un parere concreto perché va oltre tutti noi. L'Inter è sempre stata una grande società ed è giusto che si agisca nel migliore dei modi" ha concluso Marotta.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.