Real Madrid-Sergio Ramos, niente rinnovo. Dalla Spagna: "I motivi della rottura"

Calciomercato
©Getty

As parla di divorzio ormai certo e individua tre episodi che hanno portato alla rottura. Secondo Onda Cero, l'elemento scatenante è da ricercarsi nello scontro col club dopo il mancato taglio del 10% dello stipendio durante la pandemia

Nuovi segnali, sempre più chiari, che portano tutti verso un’unica direzione: la bellissima e vincente storia d’amore tra Sergio Ramos e il Real Madrid sembra essere arrivata al capolinea. Come scrive As, la situazione per il rinnovo di contratto del difensore – in scadenza a fine mese – è totalmente bloccata. Segnali evidenti, appunto: a iniziare dall’ingaggio di David Alaba, finendo con l’assenza dello stesso Sergio Ramos nelle campagne di presentazione della nuova maglia per la prossima stagione.  

Elemento scatenante

leggi anche

Ancelotti: "Qui sono a casa, prometto spettacolo"

Ma come si è arrivati alla rottura tra il Real e il suo capitano? Secondo quanto riporta Onda Cero, Sergio Ramos ha guidato il fronte interno dello spogliatoio che si è rifiutato di tagliarsi il proprio stipendio del 10%, richiesta effettuata dal club per fronteggiare la carenza di introiti dettata dalla pandemia da Covid-19. Una situazione che ha obbligato il Real Madrid a trattare la riduzione individualmente con ogni calciatori, con esiti non sempre sperati. Ramos invece, sempre secondo quanto riporta Onda Cero, sostiene che la richiesta di riduzione dei costi servisse al club per finanziare l’acquisto di Mbappé. Causa pandemia, i ricavi del Real Madrid si sono ridotti del 30%.

I tre motivi della rottura

La goccia che ha fatto traboccare il vaso. Secondo As, infatti, sono individuabili tre momenti ben distinti che hanno portato alla frattura insanabile tra le parti. Il primo è datato 2015, quando Ramos ha approfittato dell’offerta arrivatagli dal Manchester United per giocare al rialzo e assicurarsi uno stipendio da 12 milioni di euro netti a stagione, proprio nell’estate in cui il club aveva salutato una bandiera come Casillas. Il secondo dopo l’eliminazione del Real contro l’Ajax in Champions League. Secondo la ricostruzione di As, negli spogliatoio Ramos ebbe uno scontro verbale con il presidente Florentino Perez, che venne accusato di aver pianificato e operato male sul mercato. Terzo e ultimo nell’estate del 2019, quando Ramos chiese di essere liberato gratuitamente per trasferirsi in Cina.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche