Tevez lascia il Boca Juniors: "Non continuerò in questo club. A oggi dico che mi ritiro"

Calciomercato

L'attaccante annuncia l'addio al Boca: "Non continuerò in questo club, ma non è un addio. Non ho più niente da dare a questa squadra, che per me resta la migliore al mondo. Futuro? A oggi dico che mi ritiro"

Una lunga e gloriosa carriera, con tanti successi in ogni parte del mondo. Carlos Tevez nel 2015 aveva deciso di tornare in Argentina, al suo Boca Juniors, e, tranne che per una parentesi in Cina nel 2017, è lì da 6 anni e in quest'arco di tempo ha vinto tre campionati, una Coppa e una Supercoppa e ha disputato una finale di Libertadores. La sua avventura a La Bombonera si è conclusa e ad annunciarlo è stato lo stesso Tevez, che ha letto pubblicamente una lettera. "Non continuerò in questo club, non è un addio ma un arrivederci. Sarò sempre lì per i tifosi", ha detto l'attaccante argentino. Il suo futuro? "A oggi dico che mi ritiro", aggiunge. Ma la decisione definitiva non è stata ancora presa, Tevez potrebbe anche decidere di continuare a giocare altrove.

"Non ho più niente da dare al Boca"

approfondimento

Maglia e statua, l'Argentina omaggia Maradona

Tevez poi prosegue, chiarendo i motivi dell'addio: "Voglio andarmene come 'Carlitos del popolo'. Ma non ho più niente da dare al Boca, che mi ha sempre chiesto il 120%, cosa che non sono più in grado di dare. Per me il Boca resta il primo club al mondo, mio padre era tifoso di questa squadra, così come mia madre, mia moglie e i miei figli. Il Boca ti porta a dare il massimo, molto più del tuo massimo. Ma io non sono più in grado di darlo. La verità è che non ho avuto il tempo di metabolizzare la morte di mio padre perché stavo già giocando. Questo è il Boca". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche