Conte-Tottenham, tutto fatto per l'accordo: a ore l'ufficialità

Calciomercato
©Getty

Gli Spurs hanno ufficializzato l'esonero di Nuno Espirito Santo e del suo staff dopo il ko contro il Manchester United. Il club londinese è vicinissimo all'accordo con Antonio Conte, che nel primo pomeriggio è atterrato a Londra e ha incontrato Paratici per definire il contratto fino al 2023

TOTTENHAM-MAN. UNITED 0-3, GOL E HIGHLIGHTS

Antonio Conte torna in Premier League. E lo farà in quella Londra a cui tanto è legato e dove da tempo diceva di voler tornare un giorno, dopo l'esperienza al Chelsea conclusasi trionfalmente nel 2018. L'occasione giusta per il grande ritorno è arrivata dal Tottenham che, dopo aver esonerato Nuno Espirito Santo a seguito della sconfitta interna per 3-0 subita sabato scorso contro il Manchester United, ha subito avviato le trattative con l'ex allenatore dell'Inter, arrivato nella capitale inglese nella giornata di lunedì per discutere i dettagli dell'accordo. Conte era stato nel mirino degli Spurs anche in estate, ma aveva preferito rifiutare la proposta tecnico-economica della squadra del nord di Londra, anche a causa della probabile partenza di Kane (poi rimasto agli Spurs). Poi l'inizio di stagione tribolato con Nuno Espirito Santo, le prime sconfitte e la decisione di tornare con forza sull'italiano, grazie anche ai buoni rapporti da sempre intercorsi tra l'ex Inter e Paratici, il ds che Conte ha avuto ai tempi della Juventus e che dallo scorso giugno è diventato 'direttore generale' del club inglese. Una trattativa serrata ma veloce, conclusasi con la definizione dei termini del contratto di Conte: 18 mesi a una cifra complessiva che dovrebbe aggirarsi attorno ai 20 milioni di sterline. Tutto fatto, tutto deciso: l'unica cosa che manca, a questo punto, è l'annuncio ufficiale che arriverà nelle prossime ore. 

I numeri di Antonio Conte da allenatore in Premier League

Dove va, mette le cose a posto. Questa è la storia di Antonio Conte. L'ha fatto alla Juventus, con la Nazionale, con l'Inter e in precedenza anche col Chelsea. Dopo l'esperienza da ct dell'Italia (risollevandola, anche in quel caso, dalle ceneri della mancata qualificazione ai mondiali, fino a un onorevolissimo quarto di finale di Euro 2016, ponendo le basi per l'era Mancini), Conte aveva accettato la proposta di Abramovich nell'estate del 2016. I blues venivano da una stagione deludente, chiusa al 10° posto, e il patron russo aveva individuato in Conte l'uomo giusto per la cura alla sua squadra. Detto, fatto: in dodici mesi i blues passano dal decimo posto alla vittoria del campionato. L'anno successivo, in campionato, il Chelsea non si ripeterà, chiudendo al 5° posto in Premier, consolandosi però con un altro titolo: la FA Cup, vinta in finale contro il Manchester United. Il bilancio dei due anni in Inghilterra di Conte dice questo: 106 partite, 2,12 di media punti per match, una Premier e una FA Cup vinta. Il tutto avendo preso una squadra che aveva finito al 10° posto la stagione precedente. Conte è così: dove va, rimette le cose a posto. Paratici l'ha portato al Tottenham per questo. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche