Psg, Leonardo: "Mbappé? A Madrid sono troppo sicuri. Donnarumma-Navas situazione chiara"

Calciomercato

Il direttore sportivo del Psg fa il punto sul mercato a Sky Sport: "Mbappé è il migliore giocatore al mondo. Sta riflettendo, è il pupillo di tutti e sa che lo vogliamo qui. Portieri? Situazione chiara dall'inizio, prenderemo una decisione quando verrà il momento"

PSG CAMPIONE: I TIFOSI FESTEGGIANO FUORI DALLO STADIO PER PROTESTA

È una festa a metà quella del Paris Saint Germain per la vittoria del decimo campionato in Francia. Da una parte la protesta del tifo organizzato, che ha abbandonato il Parco dei Principi prima del fischio finale e ha festeggiato fuori lo stadio, dall'altra il calciomercato che tiene banco. Il tema principale resta il futuro di Kylian Mbappé, in scadenza di contratto a giugno e corteggiato da tempo dal Real Madrid. "A Madrid sono un po' troppo sicuri - spiega il direttore sportivo del Psg Leonardo a Sky Sport - Quando Kylian dice che non ha ancora deciso io gli credo. Abbiamo un rapporto diretto, lui sta verificando tutto per prendere la decisione migliore". Il Paris spinge per il rinnovo di contratto del francese: "Lui sa che lo vogliamo qui ed è il pupillo di tutti - aggiunge Leonardo - Oggi è il migliore giocatore al mondo. Prenderà la sua decisione insieme a noi, il rapporto è molto buono". 

"Gigio-Navas? Non avremo problemi a prendere una decisione"

leggi anche

Navas: "Donnarumma? Le cose dovranno cambiare"

Un'altra grana che Leonardo deve risolvere riguarda i portieri. Nei giorni scorsi, infatti, Keylor Navas ha espresso il suo malessere per il dualismo con Donnarumma, sottolineando la sua voglia di giocare sempre: "La situazione è chiara dall'inizio - ammette Leonardo - Avevamo un portiere che stava facendo benissimo come Navas ed eravamo molto contenti. Donnarumma è diventato uno dei portieri più forti al mondo, era un'operazione da fare nonostante la presenza di Navas. Poi vanno gestiti e abbiamo cercato di dare ritmo e continuità a entrambi. Loro sanno tutto chiaramente: quando verrà il momento, non avremo problemi a prendere una decisione. Se ce ne sarà una buona per tutti la consideremo".

"I tifosi? Ambiente surreale e difficile"

leggi anche

Psg campione: la festa dei tifosi "per protesta"

"Sono dieci titoli, diventiamo il club più titolato in Francia insieme al Saint Etienne e non è poco" ha poi aggiunto Leonardo, tornando a parlare della vittoria del campionato. Tuttavia è stata una serata particolare per il contesto ambientale a causa della protesta del tifo organizzato: "È un ambiente surreale e difficile, il contrario di quello che avremmo voluto vivere - ammette il ds parigino - Va sottolineato, però, che i tifosi hanno fatto una manifestazione senza violenza. Purtroppo la sconfitta contro il Real Madrid ha generato una sofferenza che ha portato a tutto ciò". Proprio l'eliminazione in Champions League ha segnato la stagione del Paris Saint Germain che il prossimo anno tenterà un nuovo assalto in Europa: "Abbiamo dei problemi, ma la rosa è ampia - conclude Leonardo - Ci sono giocatori forti ed esperti e in avanti abbiamo i calciatori migliori al mondo. C'è tutto, ma ci chiediamo ancora come sia accaduta quella fatalità". 

"Pochettino? I risultati non sono mancati"

"Mauricio ha ancora un anno di contratto, è normale che a fine stagione si parli per capire la volontà di ognuno. E' stata una stagione un po' pesante per tutti, la cosa più importante era chiudere positivamente questo campionato. Altri anni dopo una sconfitta pesante in Champions ci sono stati crisi di risultati, quest'anno i risultati non sono mancati. Siamo campioni di Francia per la decima volta, tutto il resto lo vedremo con calma".