11 agosto 2017

City, Guardiola: "Mercato insostenibile. Neymar caro? Dico..."

print-icon

L’allenatore commenta così le spese folli del calciomercato europeo: "Quello che sta accadendo è insostenibile. Il City è stato lungimirante, abbiamo comprato tanti giovani. Costo Neymar? Se il Psg vincerà non sarà stato caro"

DA LUNEDI 14 AGOSTO TORNA CALCIOMERCATO L’ORIGINALE, DALLE 23 SU SKY SPORT 1 E SUPERCALCIO

TUTTE LE TRATTATIVE DI OGGI

"Quello che sta accadendo è insostenibile, deve finire. Bisogna metterci un punto", parola di Pep Guardiola. In conferenza stampa alla vigilia dell’esordio in Premier contro  il neopromosso Brighton, l’allenatore del Manchester City commenta il trasferimento del secolo che ha portato il brasiliano Neymar al Paris Saint-Germain per 222 milioni di euro. "Un mercato insostenibile", parole che fanno riflettere ancora di più proprio perché pronunciate da Guardiola, allenatore di un club – il Manchester City appunto – che sul mercato non ha badato a spese: "La società è stato lungimirante, avevamo diversi giocatori a fine contratto,abbiamo preso giovani e per le prossime stagioni saremo a posto... non prenderemo più di uno o due giocatori alla volta. La società è stata brava a muoversi in fretta; il problema è che quando un club inglese deve acquistare un giocatore, costa 10 milioni di più", ha proseguito Guardiola.

"Costo Neymar? Se il PSG vincerà non sarà stato caro"

"Critiche perché abbiamo pagato troppo i nostri difensori? Mi era già successo con Dani Alves. Quando il Barcellona pagò 37,5 milioni di euro al Siviglia, tutti si misero le mani in testa. Ma non si può dire che sia stato caro perché è stato il miglior esterno che il Barcellona abbia avuto per molti anni", ha aggiunto l’allenatore del Manchester City. Guardiola che poi è tornato a parlare del trasferimento di Neymar dal Barcellona al Paris Saint-Germain per la cifra record di 222 milioni di euro: "Quanto a Neymar nessuno può dire se sia stato troppo caro o no: se vincerà, non lo sarà stato. Così come Cristiano Ronaldo non è stato caro per il Real Madrid".

"Premier affascinante. Ci siamo ringiovaniti"

Dalle riflessioni sul mercato a quelle di campo, Guardiola presenta così la nuova Premier League: "Anche lo scorso anno ci davano per favoriti e abbiamo chiuso a 15 punti dalla testa della classifica. La passata stagione abbiamo fatto un buon lavoro con i giocatori che avevamo ma eravamo una delle squadre con l'età media più alta in Premier e abbiamo deciso di cambiare. Ora la media è di 24 anni, è vero che abbiamo speso tanto ma, Tottenham escluso, lo hanno fatto tutti. La Premier è affascinante, è il campionato più seguito al mondo e a livello commerciale è il migliore. Negli ultimi anni le squadre spagnole hanno dominato le competizioni europee ma stiamo cercando di ridurre il gap", ha concluso l’allenatore del Manchester City.