27 settembre 2017

Calciomercato Real Madrid, Ronaldo: "Rinnovo? Chiedetelo a Perez..."

print-icon
Cristiano Ronaldo - Real Madrid

Cristiano Ronaldo, attaccante del Real Madrid (getty)

Il portoghese, che ha firmato l'adeguamento e il prolungamento del suo contratto poco meno di un anno fa, lancia una frecciatina al suo presidente: "Se rinnovo? Dovete chiedere a lui, lo sa meglio di me. Le cose succedono in modo naturale, qui sono felice". Sulle critiche: "I numeri parlano per me"

411 gol in 400 partite con il Real: la Madrid merengue non può fare a meno di Cristiano Ronaldo. Il portoghese fa "parlare i numeri", nonostante una partenza di stagione che, soprattutto in Liga, non è stata considerata all'altezza. Tutt'altra musica in Champions League: con la doppietta al Borussia Dortmund, CR7 è salito a 4 reti in due giornate, secondo solo a Harry Kane del Tottenham (a quota 5, ndr). E dopo un'estate rovente, si torna a parlare ancora di rinnovo del contratto. Poco meno di un anno fa, Ronaldo ha firmato l'adeguamento e il prolungamento fino al 2021, ma le sue pretese potrebbero essersi nuovamente alzate. E la frecciatina al suo presidente è servita: "Se rinnovo? Questa è una bella domanda, ma dovete chiedere a Florentino Perez, può sicuramente rispondere meglio di me. Le cose succedono in modo naturale, io posso dire che qui sono felice. Sono contento anche per i miei compagni che erano a fine contratto e hanno rinnovato", ha detto dopo la sfida di Dortmund.

Risposta alle critiche

Nonostante dei numeri fuori dall'ordinario, sono continuate nell'ultima settimane le critiche per il rendimento di Cristiano Ronaldo in campionato, dove è ancora a secco di gol. Il portoghese ha ribattuto duramente dopo la doppietta di Dortmund: "Sembra che io debba dimostrare il mio valore in ogni partita - ha detto - Sono sorpreso dell’opinione pubblica nei miei confronti, ma ci sono i numeri che parlano per me. E poi a volte ci sono anche i portieri e i pali che possono impedirmi di realizzare un gol. Ma io sono un professionista, ho sempre lavorato con la testa giusta, anche per rispondere alle critiche. Che a quanto pare stanno aumentando...".