Ciclismo, Parigi-Nizza: Alaphilippe nuovo leader

Ciclismo

Francesco Pierantozzi

alaphilippe_parigi_nizza_getty

Il francese della Quick-Step/Floors vince la cronometro di Mont Brouilly battendo Contador e conquista la maglia di leader della classifica generale. Ora la 5^ tappa: da Quincié-en-Beaujolais a Bourg-de-Péage, 199,5 chilometri

Alaphilippe, un cognome che sembra più un nome, un corridore che sembra più un uomo da classiche che da cronometro, è diventato il favorito per vincere la Parigi-Nizza. Sì perché dopo la cronometro, venti chilometri scarsi, molto mossi con arrivo in salita, è proprio il francese Alaphilippe il riferimento. Tappa e maglia tra i vigneti del Beaujolais, davanti a Contador (battuto per 19 secondi e adesso a 1’31” in classifica prima delle salite), con Gallopin, altro francese, a poco più di mezzo minuto nella generale come primo vero avversario. Poi Gorka Izagirre (a 47”), Henao (1’05”), Zakarin, forse il più forte in salita a 1’28”, subito prima di Contador.

Alaphilippe, che di nome fa Julian, di solito fa il “piazzato” (una volta secondo alla Liegi-Bastogne-Liegi, due volte secondo alla Freccia Vallone, quarto alle Olimpiadi), ha forza e condizione. Altrimenti a cronometro non si va avanti, soprattutto con poca pianura, e ha nella sua memoria storica, breve perché ha 24 anni, un successo in una corsa a tappe della nuova generazione, il Giro della California. E ha anche una squadra come la Quick Step che in Belgio è come la nazionale di calcio per noi quando ci sono pietre e Ardenne, in grado di controllare la corsa, con l’irlandese Daniel Martin, quinto a 1’20”, come possibile alternativa. Nizza non è poi così lontana

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche